In evidenza Partito Pirata Europeo Tecnocontrollo Trasparenza

Il superprogetto segreto iBorderCtrl: un “videorilevatore di bugie” finanziato dalla UE (che non vuole parlarne)

Riportiamo il post pubblicato dall’europarlamentare Pirata Patrick Breyer sul proprio blog.

NB: ci scusiamo se la traduzione dal tedesco è imprecisa e approssimativa.

Per essere aggiornati su questa e altre notizie è possibile iscriversi al canale Telegram di Informa Pirata

Ecco tutto quello che devi capire dal mio volto

Oggi la Corte di giustizia dell’Unione europea di Lussemburgo ha fissato un’udienza per la causa intentata all’Agenzia Esecutiva per la Ricerca REA (Research Executive Agency) dall’eurodeputato e attivista per i diritti civili Dr. Patrick Breyer (Pirate Party) contro la segretezza del progetto di ricerca iBorderCtrl finanziato dall’UE. Tra le altre cose, è stato sviluppato un “videorilevatore di bugie” basato sull ‘”intelligenza artificiale” da usare durante gli ingressi, che dovrebbe utilizzare le espressioni facciali per rilevare se le persone mentono quando rispondono alle domande.

L’avvocato dell’agenzia di ricerca ha ammesso in tribunale che il caso sollevava questioni di fondamentale importanza per il finanziamento della ricerca dell’UE. “Non è necessario un controllo democratico del finanziamento della ricerca“, ha spiegato l’avvocato. La ricerca e lo sviluppo non riguardano ancora l’utilizzo della tecnologia. Il finanziamento della ricerca dell’UE non persegue deliberatamente un approccio di accesso aperto al fine di proteggere i vantaggi competitivi delle aziende partecipanti. La divulgazione del progetto iBorderCtrl metterebbe a repentaglio gli interessi commerciali e la reputazione delle società e delle istituzioni coinvolte. La pubblicazione fuori contesto di dettagli tecnici potrebbe mettere sotto pressione i responsabili e mettere in pericolo il completamento e la commercializzazione della tecnologia.

L’avvocato del ricorrente ha ribattuto che questo progetto di ricerca era un esempio di tutta una serie di progetti di ricerca dell’UE altamente problematici per lo sviluppo di una discutibile tecnologia di monitoraggio e controllo. Anche i giornalisti e la società civile non sono riusciti a ottenere maggiori informazioni. Questo precedente deciderà se, nel settore della ricerca e sviluppo finanziati con fondi pubblici, le le ragioni commerciali e finanziarie dei privati e gli interessi di profitto possono prevalere sul legittimo interesse di ottenere trasparenza da parte del pubblico, della scienza, dei media e delle istituzioni democratiche.

I giudici hanno interrogato l’agenzia in modo approfondito e critico per più di un’ora, al fine di verificare, per esempio, che le valutazioni etiche e legali negate contenessero effettivamente segreti commerciali interni riservati al 100%. Alla fine, la presidenza della corte ha dichiarato che i documenti erano stati visionati. Riguardo l’intelligenza artificiale, vengono gestiti anche dati legati alle caratteristiche etniche delle persone. Questo aspetto solleva ovviamente questioni e dibattiti. Secondo la presidenza della corte, sarebbe anche nell’interesse della stessa agenzia REA dimostrare che non si ha nulla da nascondere. Pubblicare i risultati delle valutazioni non potrebbe infatti contribuire a impostare correttamente il dibattito e a rassicurare il pubblico?

Il tribunale non ha ancora fissato una data per la sentenza.

“Dal momento che la UE ha ripetutamente sviluppato una pericolosa tecnologia di sorveglianza e controllo e in futuro finanzierà anche la ricerca sulle armi, allora confido in una sentenza che faccia giurisprudenza e che consenta il controllo pubblico e il dibattito sul finanziamento della ricerca finanziata con fondi pubblici ma al servizio degli interessi di profitto privati”, ha affermato querelante e MEP Breyer. “Con la mia denuncia sulla trasparenza, voglio chiarire in linea di principio che i contribuenti, il mondo accademico, i media e i parlamenti hanno il diritto di accedere alla ricerca pubblica, specialmente con sviluppi pseudoscientifici e orwelliani come il “videorilevatore di bugie“.

Con il presunto “videorilecvatore di bugie” iBorderCtrl, l’UE ha fatto testare l’uso di “intelligenza artificiale” nei controlli di ingresso. Il 15 marzo 2019, Breyer ha intentato una causa per il rilascio di documenti bloccati sulla valutazione etica, l’ammissibilità legale, l’applicazione e i risultati della tecnologia. Il progetto di ricerca è stato finanziato dalla Commissione nell’ambito del programma Horizon2020.

Alla vigilia dell’incontro, la Commissione Europea ha lasciato senza risposta le domande di Breyer (documento in tedesco) sulle false accuse e la discriminazione da parte della “tecnologia video della macchina della verità”.

Appello dell’avvocato dell’attore nell’udienza odierna (documento in tedesco)

Sintesi ufficiale dei lavori (verbale della riunione) (documento in tedesco)

Testo della domanda e ulteriori informazioni (documento in tedesco)

Vuoi essere informato su notizie e iniziative
dei Pirati italiani ed europei?
Seguici sul canale Telegram PPInforma

Was this post helpful?