Hacking Politico In evidenza

Lettera aperta al movimento del software libero

variante glitch art di "Bold GNU Head" di Aurélio A. Heckert di Arantxa Serantes (2018)

Ripubblichiamo la lettera aperta di Jaromil apparsa su Medium per invitare tutta la community del free & open source software a mantenere un approccio aperto e razionale anche quando si tratta di affrontare questioni conflittuali. La lettera è anche, in uno dei momenti più bui attraversati dalla comunità del software libero, un invito a rivendicare il proprio ruolo di plasmatore della realtà.

Open Letter to the Free Software Movement

Questa è una lettera aperta a tutte le persone che, in buona fede, sono preoccupate per gli eventi che stanno scuotendo la leadership di lunga data del Movimento per il Software Libero.

variante glitch art di “Bold GNU Head” di Aurélio A. Heckert di Arantxa Serantes (2018)

Cari hacker, prima di tutto diciamo che, come collettivo e nel vero spirito intransigente degli insegnamenti del Software / Società Libero / Libera, siamo in grado di fare molto meglio di quanto è appena accaduto.

Molti di noi lavorano ogni giorno per garantire che tutti, indipendentemente dalla loro etnia, religione, sesso o neurotipicità, possano partecipare, imparare e condividere nelle nostre comunità. Non pretendiamo di essere perfetti, a volte commettiamo errori, alcuni dei quali guidati da schemi sistemici e strutture di potere che ancora ci intrappolano, e alcuni semplicemente a causa della nostra natura umana. Ma rivendichiamo il nostro diritto di imparare ogni giorno come migliorare includendo tutti i contributi e le opinioni, e questo implica la capacità di commettere errori senza esserne distrutti.

Negli ultimi anni è diventato chiaro che il nostro movimento e il nostro ethos hanno trasformato il mondo come lo conosciamo, con tutto il coraggio e tutti gli errori considerati; alcuni di noi sono diventati famosi, altri indossavano maschere per proteggersi dal regime dello spionaggio globale. In ogni caso, molti di noi hanno sacrificato molte comodità nella vita per cambiare ciò che doveva essere cambiato.

Non fraintendiamo la causa che ci ha portato qui e non dimentichiamo da dove viene l’ingiustizia.

Levitating GNU del Nevrax Design Team, copyright © 2001 Free Software Foundation

Non dimentichiamo ciò che noi, il popolo, abbiamo costruito con successo per resistere all’incredibile pressione della corruzione corporativa e dei regimi militari. Non dimentichiamo che la ricerca della libertà del software è ancora aperta e potremmo perdere la concentrazione e il posizionamento.

I modelli economici basati sulla conoscenza proprietaria e l’estrazione dei dati sono il problema.

Il software libero / libero, in quanto filosofia ed etica senza compromessi incentrata sulla condivisione e partecipazione della conoscenza, è una parte importante della soluzione.

Dobbiamo onorare l’orgoglio del popolo indiano che ha avuto il coraggio di opporsi alla campagna “free basics”. Dobbiamo sostenere il coraggio di tutti coloro che difendono la neutralità della rete da attacchi capaci di mettere sotto controllo l’integrità politica di interi continenti. Dobbiamo facilitare la sinergia tra le reti di comunità di Oaxaca abilitate dal software scritto da attivisti in tutto il mondo. Dobbiamo sconfiggere i tentativi di imporre i brevetti software come legge “potenziata” sui brevetti negli Stati Uniti e come “tribunale unitario dei brevetti” nell’UE. Dobbiamo potenziare l’autodeterminazione di intere popolazioni in un’epoca in cui l’informatica è pervasiva quanto le nostre relazioni sociali.

Dobbiamo rivendicare la nostra libertà da un sistema di controllo e previsione sempre attento che ci giudica dalla proiezione algoritmica delle nostre stesse intenzioni. Dobbiamo difendere la nostra libertà per poter denunciare tutto questo e parlare liberamente con mezzi che ci collegano, in tutto il mondo, senza confini, intermediari e censure.

Dobbiamo essere consapevoli di dove ci troviamo in questa lotta.

In quanto movimento transnazionale, unito da solidarietà, consapevolezza ed etica, non negozieremo le motivazioni per cui lottiamo.

Non siamo noi il problema, siamo parte della soluzione.

Il mondo libero ha bisogno del movimento del software libero.

League of Programming Freedom, logo di Etienne Suvasa (1997)

Il testo originale della lettera è reperibile a questo link: https://medium.com/think-do-tank/open-letter-to-the-free-software-movement-7ddc7429b474

Vuoi segnalare un errore o dare un suggerimento? Scrivici su TwitterMastodon o sul gruppo telegram Comunicazione Pirata