Diritti In evidenza Partito Pirata Europeo Stato di diritto

Italia: diritti umani ? sì, ma non per tutti!

Il nuovo post del Partito Pirata Europeo sull’Italia.

A fine ottobre, il Senato italiano ha silurato un disegno di legge contro l’omofobia e la discriminazione delle minoranze.

Due uomini brutalmente picchiati da teppisti in una stazione ferroviaria per essersi baciati in pubblico. Minacce costanti da un vicino con una mazza da baseball che dice che brucerà il tuo appartamento e la tua auto di notte. Sputare e imprecare contro un paio di donne che si tengono per mano. Risposta della polizia? tiepido. Purtroppo, questa è la realtà per molte persone in Italia. L’Italia, infatti, è uno degli ultimi paesi europei a non avere leggi nazionali contro la discriminazione contro le minoranze sessuali.

Una grande speranza per molte persone era la legge attesa da tempo che avrebbe reso la discriminazione e la violenza contro le persone LGBTQ+, le donne e le persone con disabilità un crimine d’odio. L’idea di un’Italia giusta e libera per tutti, senza distinzioni, è sostenuta da due terzi dei cittadini – purtroppo rimane ancora solo sulla carta. Il disegno di legge è stato seppellito dalla Chiesa e dai senatori dell’estrema destra italiana, che hanno  superato il disegno di legge per soli 23 voti .  

Con la bocciatura della legge antidiscriminazione, l’Italia sta gradualmente diventando sempre più simile a paesi come Polonia e Ungheria, dove i governi negli ultimi anni hanno creato artificialmente odio contro le minoranze e le persone LGBTQ+, facendone dei capri espiatori. Tuttavia, allo stesso tempo, gli Stati membri dell’Unione europea sono tenuti a rispettare e monitorare attivamente l’adesione a valori fondamentali quali il rispetto della dignità umana, la libertà, la democrazia, l’uguaglianza, lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, compreso il diritti delle minoranze .

In Europa non dobbiamo permettere doppi standard. La Polonia e l’Ungheria sono state criticate per aver calpestato i diritti delle minoranze (ma non solo), mentre la situazione in Italia ha raccolto solo tiepidi sospiri dall’Unione. Tutti gli Stati membri dovrebbero sostenere i valori che si sono impegnati a difendere attraverso la loro appartenenza all’UE, senza eccezioni .

DIRITTI DELLE MINORANZE

L’Italia è l’unico paese dell’UE occidentale che non ha leggi generali contro la discriminazione contro le minoranze sessuali. Gli unici altri paesi oltre all’Italia sono la Polonia e la Lituania. L’Italia ha leggi contro la discriminazione e l’incitamento all’odio che risalgono al 1993, la cosiddetta “ Legge Mancino” – ma questa menziona solo i motivi “razziali, etnici, nazionali o religiosi” dell’odio.

Le leggi contro la discriminazione mirano principalmente a proteggere i gruppi vulnerabili di persone dalla discriminazione fisica e da altre forme. In questo caso, ad esempio, la legge potrebbe proteggere le persone LGBTQ+ dal licenziamento dal lavoro esclusivamente sulla base del loro orientamento sessuale. Per comprovata discriminazione sulla base di alcuni dei valori citati, l’autore rischia un anno e mezzo dietro le sbarre o una multa di 6.000 euro.

C’è sicuramente bisogno di una legge del genere: ogni anno in Italia si registrano circa 20 mila casi di discriminazione delle persone sulla base del loro orientamento sessuale, di cui circa il 9% sono problemi gravi . Inoltre, il Paese è ben al di sotto della media UE in termini di tolleranza delle persone LGBTQ+: secondo l’Eurobarometro, solo il 55% degli italiani tollera le minoranze sessuali, rispetto alla media UE del 72%.

LA CHIESA E L’ESTREMA DESTRA

I rappresentanti dell’estrema destra italiana e del Vaticano sono molto vocianti contro gli sforzi per estendere la legge antidiscriminazione alle minoranze sessuali. Come in altri paesi, questi partiti stanno usando argomenti completamente privi di senso contro le minoranze sessuali. Un oratore di spicco è Matteo Salvini, ex eurodeputato e leader della Lega del Nord, alleato di lunga data di altri politici europei di estrema destra come Marine Le Pen, Geert Wilders e persino Tomio Okamura.

Secondo  Salvini , la nuova legge è semplicemente una “legge contro la libera opinione”. Sostiene inoltre che la nuova legge è una minaccia diretta alla famiglia tradizionale di un uomo e una donna e che coloro che difendono i valori tradizionali saranno perseguiti a causa della legge. Non ho idea in che tipo di mondo vivano i populisti di destra, ma nel mondo normale picchiare le persone per strada per il loro orientamento sessuale non è davvero una libertà di parola, è un crimine spregevole.  

Il Vaticano, a cui anche la legge non piace, sta facendo un ragionamento simile. Lo scorso giugno, ad esempio, ha improvvisamente iniziato a fare pressioni sul governo italiano perché cambiasse la formulazione della legge perché poteva minacciare la “libertà di pensiero della Chiesa cattolica”. Che cosa significhi esattamente tale libertà di pensiero, immagino che lo lascerò all’interpretazione.

IL SUD SI STA DIRIGENDO… EST?

L’enorme contraccolpo contro la legge antidiscriminazione da parte dei politici italiani di estrema destra e conservatori purtroppo non è una novità. In effetti, casi simili sono stati a lungo osservati in altri Stati membri  un po’ più a est. Purtroppo, il partito conservatore polacco PiS di Jarosław Kaczyński e l’ungherese Fidesz dell’oligarca Viktor Orbán hanno lavorato a lungo per sopprimere i diritti delle minoranze sessuali.

In Ungheria , le condizioni di vita e i diritti delle persone LGBTQ+ stavano migliorando fino a quando il conservatore Fidesz non è salito al potere. Sin dalla sua adesione, Viktor Orbán ha sempre rappresentato le minoranze come una minaccia per la nazionalità, la cultura e la famiglia ungheresi. Ha così creato proverbiali sacche da boxe con le minoranze, su cui dirotta l’attenzione ogni volta che il suo governo riesce a sbagliare qualcosa.

I diritti delle minoranze sessuali nel Paese hanno cominciato a ridursi radicalmente, compresi i divieti di matrimonio o di adozione da parte delle coppie dello stesso sesso . L’ultimo colpo grosso ai diritti umani è stata la nuova legge cosiddetta “Anti-LGBT”, che più o meno “vietava” le persone LGBTQ+, sull’esempio della Russia.

In  Polonia , la percezione delle minoranze sessuali è sempre stata un po’ più cauta a causa del ruolo di primo piano della Chiesa, che è stata apertamente negativa nei confronti dei diritti delle minoranze sessuali. Dall’ascesa del PiS, tuttavia, il partito conservatore ha fatto delle minoranze sessuali un capro espiatorio, seguendo l’esempio dell’Ungheria. I migliori politici di PiS promuovono apertamente leggi discriminatorie contro la comunità LGBTQ+, definendo l’omosessualità una “ideologia”. La situazione è giunta al culmine alcuni anni fa, quando circa un terzo della Polonia si è dichiarata una “Zona anti-LGBT” con il sostegno vocale di PiS.

L’ispirazione dell’estrema destra italiana da parte di quella di Visegrad non può essere trascurata. Il beniamino dell’estrema destra italiana, Matteo Salvini, è addirittura già in trattative con i rappresentanti di entrambi i paesi per formare un club al Parlamento europeo, dove molto probabilmente continuerebbero con le azioni degli stati V4 – calpestando lo stato di diritto , le libertà civili e con l’ascesa dell’autoritarismo.

I DIRITTI UMANI VANNO DIFESI

L’Unione europea si basa su diversi valori e principi fondamentali che tutti gli Stati membri si sono impegnati a sostenere. Uno di questi è l’ articolo 2 del Trattato sull’Unione europea , che afferma chiaramente che “L’Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti di persone appartenenti a minoranze. Questi valori sono comuni agli Stati membri in una società in cui prevalgono il pluralismo, la non discriminazione, la tolleranza, la giustizia, la solidarietà e l’uguaglianza tra donne e uomini”.

L’Unione europea deve garantire pari libertà e diritti civili a tutti i suoi cittadini, indipendentemente dalla loro razza, genere o orientamento sessuale. Sono già in corso procedimenti giudiziari in Polonia e Ungheria e la Commissione ha attivato l’articolo 7 del trattato sull’Unione europea. Sono molto triste che, sebbene la Commissione si occupi (legittimamente) di questi paesi, finora abbia relativamente ignorato la soppressione dei diritti umani dei propri cittadini in Italia.

Le leggi ei principi europei devono essere applicati equamente in tutti gli Stati membri, così come tutti gli Stati membri devono adoperarsi per rispettare le leggi ei valori europei ai quali si sono impegnati. La Commissione dovrebbe quindi intervenire e dedicare il suo tempo alla situazione in Italia. Le minoranze europee sono minacciate da una crescente tendenza alla discriminazione a spese dell’ascesa di governi autoritari populisti. Se la Commissione non applica rigorosamente questi valori, potrebbe non essere possibile nemmeno la prossima volta.

Vuoi segnalare un errore o dare un suggerimento? Scrivici su FriendicaTwitterMastodon o sul gruppo telegram Comunicazione Pirata

Was this post helpful?