Hacking Politico Privacy Social Tecnocontrollo

“Perché ho deciso di lasciare Facebook”

Sul blog Software Libero & Etica Digitale è stato recentemente pubblicato un interessante post di Amreo sulle motivazioni che l’hanno indotto ad abbandonare Facebook.

Paradossalmente, tuttavia, il dominio duckdns.org viene considerato dalla creatura di Zuckemberg un veicolo malevolo di spam! In tal modo, il contenuto non potrà essere condiviso su… Facebook.

Con il permesso dell’autore, pertanto, ripubblichiamo il post sul nostro blog, augurandoci che tanti altri blogger facciano lo stesso sul proprio blog.

Perché ho deciso di lasciare Facebook

Scritto da amreo — March 24, 2021

Facebook limita la mia autodeterminazione da uomo, i miei diritti digitali e la mia libertà; e quindi lo abbandonerò

Introduzione

Mi sono iscritto a Facebook dieci anni fa; se vogliamo essere proprio precisi, mi ci sono iscritto venerdì 28 gennaio 2011 alle ore 17:08:20. Frequentavo la prima media e mi trovavo perciò ben al di sotto del limite di età, ma le dinamiche di gruppo (=era iscritta la ragazza che mi piaceva…) hanno avuto la meglio. Nello stesso giorno alle 17:26:23 ho stretto la mia prima “l’amicizia” con V.R., sorella del mio ex compagno di scuola D.R. 8 minuti dopo ho stretto l’amicizia con A.(M.)M., un altro compagno di scuola.

Il venerdì 30 marzo del 2012 alle 20:40:02 mi sono unito al mio gruppo di classe “I fò de cò!!!”. Durante il sabato 16 giugno 2012 alle ore 09:38:21 ho messo il mio primo like 👍 a un mio post e ho interaragito con il gruppo “L’alleanza degli anime” 1391 volte.

Come faccio a sapere precisamente tutto questo? La risposta si trova nella gigantesca mole di dati che facebook possiede e che in ottemperanza al Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati ci permette anche di esportare, anche se il mio sospetto è che quelli che possiamo esportare siano solo una parte del tutto. Per dire, non ci sono le informazioni dedotte su di me in base al tempo dedicato a guardare i post o i profili degli altri. La ragione del possesso della montagna di dati è connaturata al suo modello di business che si basa sul cosiddetto capitalismo della sorveglianza, un regime economico che consiste nel raccogliere una grandissima quantità di dati e metadati personali degli utenti, con l’intento di rielaborarli: in primo luogo per scoprire nuove informazioni o addiritura predire le future azioni degli utenti; ma anche per rivendere le informazioni scoperte; e infine per indurre certi comportamenti grazie alla microtargetizzazione (ad esempio con la pubblicità). E questo è un gigantesco problema su scala mondiale.

Per questo ho deciso: lascerò facebook.

I problemi di facebook

Quella che segue costituisce solo la parte dei problemi che più mi mette a disagio, ma ce ne sono anche tanti altri, ben riassunti sulla pagina wikipedia dedicata alle critiche a facebook.

Giochi psicologici e manipolazione di massa

  • Facebook è stato costruito per creare una sorta di dipendenza nei confronti dei consumatori
  • I “mi piace” spingono le persone a diventare dei narcisisti e a curare eccessivamente il proprio ego
  • Gli algoritmi di selezione dei post visualizzati tendono a creare una bolla di filtraggio o camera dell’eco all’utente
  • Facebook ha collaborato molte volte con governi per censurare alcuni tipi di post particolarmente scomodi o per manipolare le masse
  • Durante lo scandalo di Cambridge Analytica è stato scoperto ad utilizzare i dati degli utenti per influenzare le elezioni presidenziali americane del 2016 allo scopo di far vincere Trump che infatti ha vinto. Un’interferenza analoga è avvenuta anche in occasione del referendum sulla Brexit. Ripeto, un’azienda privata è stata pagata per indurre le persone a votare per una determinata scelta.

Sorveglianza e problemi di privacy

  • Condivide i dati posseduti a priori con le agenzie governative americane (PRISM)
  • Raccoglie più dati del necessario
  • I dati raccolti vengono usati per le pubblicità e le manipolazioni di massa
  • Obbliga gli utenti ad utilizzare il loro vero nome
  • Vengono creati dei profili “ombra” anche a persone non registrate
  • Molto probabilmente viola le leggi europee sulla privacy e protezione dei dati

Centralizzazione e assenza di libertà e controllo

  • Si è obbligati ad utilizzare facebook(servizio) se si vuole interagire con le persone, e questo cosa viene sfruttata per mantenere le persone sulla piattaforma.
  • Non è software libero e questo fatto è la radice di quasi tutti i problemi di facebook.

Riferimenti vari

Ragioni per non usare facebook di Richard Stallman

Subreddit dedicato all’AntiFacebook

Linea temporale degli abusi di Facebook Inc di Privacy International

Uscita da facebook di Jeremiah Lee

Fai uscire i tuoi cari da Facebook di Salim Virani

Was this post helpful?

1 comment on ““Perché ho deciso di lasciare Facebook”