Diritto alla conoscenza In evidenza Tecnocontrollo

Smettetela di spiare la ricerca!

Segnaliamo a tutti coloro che ci seguono la petizione promossa dal Prof. Dr. Björn Brembs dell’università di Regensburg, contro la prassi ormai comune nelle università e nelle biblioteche universitarie di permettere agli editori di raccogliere e condividere con terzi i dati di navigazione di docenti e studenti.

Le conseguenze di questa prassi sono assai odiose: tramite i metadati, è possibile capire di che cosa si sta occupando un ricercatore di un’università pubblica e anticipare le richiesta di brevetti pertinenti; oppure, sapendo quali avvocati accedono, su Lexis-Nexis a materiale sulle leggi che regolano l’immigrazione, le forze dell’ordine possono anticiparne le mosse per individuare i clienti da arrestare.

L’inchiesta di Renke Siems

Come risulta infatti da un’inchiesta pubblicata sul magazine Elephant in the Lab dal ricercatore Renke Siems, è sempre stata fortissima “la spinta dei principali editori accademici a integrare più pienamente i sistemi di autenticazione per l’accesso ai media elettronici nelle loro piattaforme. Sotto varie etichette come “Research Access 21 (RA21)”, “Seamless Access” o “Get Full Text Research (GetFTR)”, hanno voluto sostituire le opzioni di autenticazione precedentemente supportate da biblioteche e istituzioni accademiche, come l’attivazione dell’intervallo IP , VPN, server proxy o autenticazione anonima a terze parti neutrali, come con il servizio Shibboleth, a favore delle proprie iniziative.  Per anni, i bibliotecari hanno contrastato queste mosse con la loro preoccupazione che avrebbe minato la privacy dei loro utenti.

Purtroppo, un’analisi del codice sorgente delle pagine delle piattaforme degli editori ha confermato che gli editori possono identificare gli utenti della biblioteca.

La petizione: “Smettete di monitorare la scienza!”

Riportiamo di seguito il testo dalla pagina https://stoptrackingscience.eu/ con l’auspicio che i nostri lettori la diffondano presso tutti i bibliotecari, i ricercatori e gli studenti con cui sono in contatto.

I principali editori accademici hanno fatto della raccolta e dello scambio di dati sugli interessi di ricerca di individui, gruppi e istituti di ricerca il loro nuovo modello di business. I dati sulle tue attività scientifiche vengono raccolti in tempo reale durante il flusso di lavoro della ricerca. Gli editori prendono appunti e vendono le informazioni su di te a terzi . Questo modello di business è in diretta opposizione alla libertà accademica. Dobbiamo opporci a queste società!

Smettete di monitorare la scienza!

Una trasformazione fondamentale sta attualmente cambiando l’editoria accademica a scapito della scienza e della società. Dopo la commercializzazione e il conseguente sviluppo di un oligopolio dominante di alcuni importanti editori, un’altra espropriazione delle borse di studio è ora all’ordine del giorno: il passaggio dalla vendita di contenuti ai dati commerciali. Gli editori scientifici stanno diventando piattaforme di scambio di dati. Sotto la sconcertante copertura dei negoziati sull’accesso aperto al pubblico, la scienza è segretamente minacciata di diventare solo un’altra attività di analisi dei dati . 

Acquisendo start-up che coprono l’intero flusso di lavoro della ricerca, i principali editori hanno già iniziato a raccogliere dati sui campi di ricerca e sui processi di ricerca e ora sempre di più anche sui singoli scienziati. Per fare ciò, distribuiscono vari tracker, strumenti per il pubblico e strumenti di analisi dei dati web in vari punti del flusso di lavoro di ricerca, non solo quando visitiamo i loro server, ma anche quando usiamo i loro strumenti di ricercaStanno persino tentando di persuadere le biblioteche a installare tracker all’interno delle reti universitarie: il comportamento di ricerca di tutti noi viene registrato in tempo reale. I dati ottenuti vengono scambiati, ad esempio, per vendere tendenze di ricerca emergenti o per informare i governi sugli intellettuali dissidenti. Allo stesso tempo, tutto questo è un’area di attività in rapida crescita che guida lo sviluppo di nuovi monopoli nel settore dell’editoria scientifica. La conoscenza appartiene sempre meno alla società che la finanzia.

Le nostre richieste 

L’attuale sviluppo verso il monitoraggio scientifico viola i diritti fondamentali e l’integrità di una società della conoscenza aperta. Le nostre richieste: 

  1. Il monitoraggio aziendale degli accademici deve cessare e non può più essere oggetto di trattative tra istituti di ricerca ed editori.
  2. Gli standard aperti nella comunicazione accademica devono avere la precedenza sulle soluzioni che promuovono il monopolio della conoscenza e il blocco del provider.
  3. Tutti gli attori della governance della scienza devono riprogettare i propri strumenti decisionali e di valutazione e superare la fissazione sugli indicatori bibliometrici.

Per soddisfare queste richieste, gli istituti di ricerca devono firmare la Dichiarazione di valutazione della ricerca (DORA) o un impegno equivalente e interrompere immediatamente tutti i pagamenti e le negoziazioni con le aziende che tracciano i ricercatori per guadagni commerciali e / o non forniscono standard aperti sulla ricerca (meta-) dati che impediscono il blocco del provider. I finanziatori devono rendere le istituzioni che non rispettano i requisiti non idonei al finanziamento.

  • Prof. Dr. Björn Brembs, Universität Regensburg
  • Prof. Dr. Anne Baillot, Le Mans Université
  • Prof.Dr.Konrad Förstner, ZB MED – Centro informazioni per le scienze della vita / Technische Hochschule Köln
  • Prof. Dr. Peter Hanenberg, Universidade Católica Portuguesa
  • Lambert Heller, TIB – Biblioteca nazionale tedesca di scienza e tecnologia
  • Prof. Dr. Philippe Huneman, IHPST, CNRS, Parigi
  • Dr. Peter Kraker, Open Knowledge Maps
  • Dr. Danny Kingsley, Australian National University
  • Prof. Dr. Dariusz Komorowski, Uniwersytet Wrocław
  • Prof. Dr. Gerhard Lauer, Universität Basel
  • Prof. Dr. Anne Mangen, Universitetet i Stavanger
  • Prof. Dr. Claudia Müller-Birn, Freie Universität Berlin
  • Prof. Dr. Felix Schönbrodt, Ludwig-Maximilians-Universität München
  • Dr. Renke Siems, Reutlingen
  • Dr. Mike Taylor, Università di Bristol
  • Prof. Mark Wilson, Università del Massachusetts, Amherst

Vuoi segnalare un errore o dare un suggerimento? Scrivici su TwitterMastodon o sul gruppo telegram Comunicazione Pirata