Internazionale Pirata ppInforma Privacy

5G: impostiamo il dibattito

Pubblicato >qui< il 21 septembre 2020

A te, che leggi questo post: non disperare!

Il nostro obiettivo non è quello di indulgere in una rivendicazione politica, ma di aiutarti a comprendere meglio la tecnologia 5G, oggetto di un’ampia copertura stampa in questi giorni.

Il 5G non è una tecnologia dirompente.

Il 5G non è un gigantesco piano commerciale che mira a spingerci a sostituire i nostri dispositivi elettronici.

Per riassumere, il 5G non fa per noi, umili consumatori.

Facciamo un riepilogo.

Mettiamo i puntini sulle “G”

Il  3rd Generation Partnership Project ( 3GPP) è uno sforzo di cooperazione internazionale tra un gruppo di agenzie simili dalle più grandi aree geopolitiche del pianeta: ad esempio, CCSA per la Cina, ARIB per il Giappone, ATIS per il Nord America, ETSI per l’Europa o TTA per Corea del Sud. Lo scopo di questa cooperazione è progredire nella standardizzazione globale delle telecomunicazioni mobili. Il 3GPP pubblica gli standard come versioni numerate, etichettate o addirittura commercializzate. Ad esempio, la “release 14” è meglio conosciuta come “LTE Advanced” (LTE sta per Long Term Evolution), che è l’ultimo aggiornamento al 4G. Le prossime ad essere pubblicate sono la “release 15” e la “release 16” rispettivamente su 5G e 5G su satellite.

In quanto tale, il 5G è una logica evoluzione nel continuo sviluppo dei lavori del 3GPP. Non impone una sostituzione completa della rete attuale. Per alcune torri e antenne 4G, tutto ciò che serve è un semplice aggiornamento del software al 5G.

Questo nuovo standard che potremmo chiamare semplicemente V. 5.0, consente l’uso (e il riutilizzo) di diverse gamme di frequenze radio, alcune delle quali sono già in parte sfruttate per la televisione digitale terrestre (DTTV). (1) (2) (3)

È vero che l’evoluzione tecnologica richiede la sostituzione occasionale dell’hardware. 

Il consumismo esacerbato ci spinge a sostituire i nostri dispositivi troppo spesso o ad acquistare gli ultimi aggeggi. Questo non è specifico del 5G. Ad esempio, la durata media di uno smartphone è di circa 3 anni, ma potrebbe essere estesa. Schermi e batterie possono essere riparati facilmente e i produttori di telefoni dovrebbero essere incoraggiati a renderlo più facile per noi. 

Una quota crescente di smartphone attualmente in vendita in Francia, anche se il 5G non è nemmeno implementato, è comunque compatibile con il 5G. Poiché il 5G non è specificamente francese, è utilizzato in molti altri paesi. I produttori di telefoni non hanno aspettato che la Francia prendesse una decisione in merito.

La sostituzione dei nostri smartphone richiede risorse significative, in particolare metalli delle terre rare. La loro estrazione genererà anche una notevole quantità di gas serra. Questo non è affatto specifico del 5G, ma dipende invece dalle nostre decisioni politiche ed economiche.

Dati e consumi energetici

L’energia è vitale nel mondo digitale, ma sprecarla è vietato. Per risolvere un problema a parità di efficienza, cercheremo quindi di consumare meno energia possibile per due motivi:

  • A efficienza costante, viene speso meno denaro per mantenere l’infrastruttura;
  • A energia costante, alcuni limiti possono essere superati

Il 5G consente una migliore gestione del raggio di comunicazione con due vantaggi immediati: 

  • Una  diminuzione del consumo di energia  perché la diffusione delle onde radio è limitata; 
  • Un  miglioramento  della qualità  di utilizzo delle onde radio, perché si prevengono le interferenze. 

Successivamente, il protocollo 5G è intelligente. Più intelligente del 4G. Può adattare efficacemente le prestazioni e il consumo energetico di alcune torri cellulari e riattivarle quando se ne presenta la necessità. In altre parole, a queste antenne viene qui applicato il principio stop & start (arresto automatico e riavvio del motore), già utilizzato sulle auto nuove.

Alla fine, il 5G consentirà di chiudere del tutto i servizi 3G e 4G e riciclare la loro banda di frequenza. Queste due generazioni consumano troppe energie per fornire servizi che non sono più all’altezza delle nostre aspettative.

Inoltre, il 5G consente l’organizzazione di reti locali decentralizzate senza passare attraverso infrastrutture complete. Consente a dispositivi, strutture e vari sensori collegati di interagire direttamente, il che si traduce in una riduzione della latenza.

Questo progresso tecnologico è di interesse per l’industria automobilistica, tra l’altro: la frenata di emergenza nei veicoli autonomi è limitata dalle attuali limitazioni della rete in quanto non possono comunicare tra loro abbastanza velocemente da reagire in modo efficiente.

Per un certo numero di settori, questa nuova tecnologia di rete faciliterà la transizione all’Internet of Things (IoT) che a sua volta ridurrà l’utilizzo delle risorse rispetto alle reti esistenti.

Cosa potrebbe accadere senza 5G?

Non c’è modo che l’utilizzo della rete smetta di crescere se rifiutiamo il 5G. L’industria avrà bisogno del 5G per preparare in modo efficiente le proprie esigenze in termini di utilizzo della rete.

Senza di esso, non saremo in grado di ridurre ulteriormente il divario digitale. Come abbiamo visto con il passaggio dal 3G al 4G, gli utenti finiranno per presentare una petizione agli operatori di rete per costringerli a ridurre la congestione della rete.

Senza 5G, avremo bisogno di ancora più torri 4G, che consumano più energia delle torri 5G per lo stesso utilizzo. Questa, infatti, è la conclusione dell’ANFR ( Agence Nationale des Fréquences,  l’Agenzia nazionale francese delle radiofrequenze): la potenza assorbita sarà maggiore se manterremo solo il 4G invece di mischiare 4G e 5G. (4)

5G: è uno strumento

Il 5G è uno strumento che genera molte domande, ma quelle domande sono focalizzate sullo strumento stesso piuttosto che sulle scelte sociali che facciamo, o meglio, non facciamo.

Il 5G consentirà una migliore trasmissione dei dati, ma dobbiamo stare attenti alla nostra sicurezza dei dati personali. Dobbiamo continuare tutti i nostri sforzi per promuovere la privacy e le politiche di libertà individuale e per farlo, le leggi dovranno approvare (o essere abrogate), 5G o meno.

Se il 5G promuove effettivamente l’emergere di smartcities (5), molto probabilmente si svilupperanno nonostante la sua assenza, sotto l’impulso di ambiziose politiche ambientali locali che non possono funzionare senza consumare dati, e porteranno di fatto alla saturazione di un già molto rete occupata.

Ciò che possiamo fare

Oggi il territorio francese è coperto da quattro reti 4G (6) gestite da quattro diversi operatori (Bouygues, Orange, Free e SFR). Oggi nessuna di queste reti copre il 100% del territorio francese e ogni rete è indipendente, tranne nel caso del roaming e della condivisione contrattuale tra alcuni operatori. 

A livello politico possiamo chiedere, ad esempio, il pooling delle reti per ridurre a due il numero di reti 5G autorizzate alla costruzione e all’esercizio, senza provocare la scomparsa di operatori che dovranno concentrarsi più sui servizi forniti che su la qualità della rete. 

Possiamo anche richiedere che l’implementazione del 5G aiuti a coprire le aree grigie e le zone morte, in particolare per assorbire ritardi o assenze nella distribuzione della fibra (la cui installazione dovrebbe essere una priorità).

Possiamo incoraggiare lo sviluppo di canali locali di riparazione e riciclaggio specifici per la tecnologia digitale attraverso scelte politiche ed economiche.

Potremmo anche decidere che la costruzione dei nostri dispositivi digitali debba essere soggetta a rigide normative che limitano la produzione di CO2 e che i produttori debbano fornire aggiornamenti software per periodi di tempo più lunghi per hardware meno recenti.

Cosa dobbiamo fare

Dobbiamo guidare le aziende verso la produzione di apparecchiature riparabili e aggiornabili.

Dobbiamo riflettere sul nostro consumo e, oltre a questo, sulla pubblicità che ci incoraggia a ottenere tecnologie più efficienti di quelle di cui abbiamo bisogno. Questa pubblicità avviene nel mondo reale, digitale ed energetico tanto per moltiplicazione di schermi pubblicitari quanto per moltiplicazione di spam o inserti pubblicitari sui nostri siti preferiti; questa pubblicità che veglia su di noi, utilizzando i nostri dati per venderci meglio prodotti o servizi di cui non abbiamo bisogno. 

Quello che dobbiamo temere è una società che ci spinge a consumare sempre di più, oggetti sempre più connessi, gadget sempre più alla moda, sempre di più di tutto. 

Il 5G ci consentirà di connetterci meglio gli uni con gli altri. Ma indipendentemente dal fatto che venga dispiegato o meno, dovremo comunque affrontare tutte le questioni sollevate dal dibattito sul suo dispiegamento. In altre parole, questi dibattiti sono legittimi, ed è solo considerandoli come tali che potremo rispondere ad essi, piuttosto che opponendoci al 5G per principio.

Questo articolo è solo un’introduzione ai nostri pensieri sul 5G, poiché stiamo pensando a cosa ci consente di fare senza trascurare i suoi punti deboli. 

Siamo consapevoli che queste debolezze sono causate dall’impossibilità di sapere cosa ci riserverà il futuro e dalla nostra capacità collettiva di mettere gli strumenti a nostra disposizione l’uno contro l’altro, o al contrario, inquadrarli nel miglior modo possibile in modo che si adattino al società a cui miriamo.

Noi pirati denunciamo i discorsi che provocano ansia basati su dati fasulli o dati che sono stati distorti a fini di propaganda elettorale. 

Non possiamo accettare che i politici responsabili di decidere il nostro futuro si nascondano dietro false questioni per evitare di aprire un vero dibattito sulla nostra società.

PS: Non vi diremo che il 5G è un possibile cancerogeno secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Non vogliamo spaventarvi con informazioni valide anche per altri prodotti o attività contro cui non abbiamo pianificato campagne come l’aloe vera, la lavorazione del legno, il lavaggio a secco …

Fonti

(1)  https://www.anfr.fr/publications/dossiers-thematiques/la-5g/les-changements-technologiques-de-la-5g/

(2)  https://www.generation-nt.com/arcep-tnt-regulation-frequences-5g-actualite-1955076.html

(3)  https://www.numerama.com/politique/387748-le-regulator-des-telecoms-anticipe-la-fin-de-la-tnt-la-5g-en-embuscade.html

(4)  https://www.clubic.com/reseau-mobile/actualite-13156-l-anfr-simule-l-exposition-aux-ondes-causees-par-des-antennes-4g-et-5g-et -livre-ses-results.html

(5)  https://www.zdnet.fr/actualites/comment-la-5g-va-faire-des-smart-cities-une-realite-39880333.htm

(6)  https://www.couverture-mobile.fr/?page=statistiques https://www.arcep.fr/nos-sujetshtml/parlons-5g-toutes-vos-questions-sur-la-5g.html

Was this post helpful?