In evidenza Partito Pirata Europeo Privacy Tecnocontrollo

#CHATCONTROL: è l’ultima possibilità per impedirla

Raccogliamo e diffondiamo l’invito dell’europarlamentare tedesco Patrick Breyer per una mobilitazione contro la modifica alle regole europee sulla protezione della messaggistica privata.

Si tratta di regole che violano il principio della riservatezza della corrispondenza, un diritto che per noi italiani è garantito costituzionalmente!

Art. 15 della Costituzione della Repubblica Italiana
La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.
La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

La richiesta di aiuto che Patrick Breyer rivolge a tutti i cittadini europei

La data per il voto sulle regole per il controllo della chat è stata fissata: l’ 8 luglio, tutti i membri del Parlamento europeo voteranno sulla legislazione che consentirà ai provider di posta elettronica e di messaggistica di scansionare e cercare indiscriminatamente i tuoi messaggi privati ​​alla ricerca di sospetti contenuti in tempo reale . Questo sarà il voto finale sulle nuove regole. Una volta superato, le tue comunicazioni private possono essere ricercate da tecnologie di intelligenza artificiale soggette a errori. Sebbene questi algoritmi abbiano lo scopo di cercare potenziali pedopornografia e adescamento, fino all’86% della corrispondenza segnalata alla polizia non è penalmente rilevante e gli utenti vengono segnalati per errore, compresi molti minori.

Un ex giudice della Corte di giustizia europea ha scoperto che le regole sul controllo delle chat dell’UE violano i diritti fondamentali . Secondo un sondaggio rappresentativo , il 72% dei cittadini dell’UE rifiuta chiaramente lo screening indiscriminato della corrispondenza privata. Nonostante tutto ciò, la commissione per le libertà civili (LIBE) del Parlamento raccomanda alla plenaria di votare a favore del controllo della chat.

Il voto in plenaria è l’ultima occasione per fermare questa legge! Contatta ora i tuoi membri del Parlamento se sei preoccupato per #Chatcontrol. Un elenco con tutti i dettagli di contatto dei deputati è disponibile qui per il download .

Informazioni di base: come siamo arrivati ​​a questo punto?

Nel 2020 la Commissione Europea ha proposto una normativa “temporanea” volta a consentire la ricerca di tutte le chat private, messaggi ed e-mail per raffigurazioni illegali di minori e tentativi di avvio di contatti con minori. Questo per consentire ai provider di Facebook Messenger, Gmail e altri di scansionare ogni messaggio alla ricerca di testo e immagini sospetti. Ciò avviene in un processo completamente automatizzato e utilizzando l'”intelligenza artificiale” [il considerarlo intelligenza artificiale è stato criticato, in quanto si tratta di algoritmi di confronto di immagini e contenuti con dei modelli prestabiliti, ma il senso non cambia, ndr] soggetta a errori. Se un algoritmo considera un messaggio sospetto, il suo contenuto e i suoi metadati vengono divulgati automaticamente e senza verifica umana a un’organizzazione privata con sede negli Stati Uniti e da lì alle autorità di polizia nazionali di tutto il mondo. Gli utenti segnalati non vengono avvisati.

Alcuni fornitori di servizi statunitensi come Gmail e Outlook.com stanno già eseguendo tali controlli automatici di messaggistica e chat. Attraverso un secondo atto legislativo che sarà proposto a breve, la Commissione UE intende obbligare tutti i fornitori di servizi di chat, messaggistica ed e-mail a implementare questa tecnologia di sorveglianza di massa.

Invia agli Europarlamentari un messaggio: un’email, taggalo in un post linkedin, instagram o facebook, in un tweet o in un thooth

Questo è un testo suggerito da inviare al tuo Europarlamentare o a un membro del suo partito con cui sei in contatto. Puoi provare a inviare un’email, o a taggarlo in un post linkedin, instagram o facebook, in un tweet o in un thooth!

Il testo può essere scaricato qui in formato ODF o in PDF. Qui invece troverai un elenco completo con le email dei MEP.

Oggetto: Stop all’abolizione della privacy digitale della corrispondenza (“e-Privacy Derogation”)

Caro MEP NOME

Il Parlamento europeo sta attualmente negoziando una deroga alla cosiddetta direttiva e-Privacy (2002/58/CE) con l’intenzione dichiarata di “combattere gli abusi sessuali sui minori online”. L’attuazione di questa iniziativa comporterebbe uno screening massiccio e indiscriminato di tutti i messaggi privati, le chat e le e-mail alla ricerca di contenuti sospetti.

In altre parole, la deroga alla Direttiva e-Privacy comporta l’abolizione del segreto digitale della corrispondenza, che garantisce la riservatezza delle comunicazioni online a partire dal 21 dicembre 2020, data di entrata in vigore del Codice europeo delle comunicazioni elettroniche.

Con la presente desidero condividere con voi le mie più grandi preoccupazioni per l’adozione di questa proposta di regolamento. L’uso completamente automatizzato di una sorta di “intelligenza artificiale” per ricerche globali in tempo reale di comunicazioni private rappresenta una massiccia violazione dei diritti fondamentali. Di conseguenza, i cittadini divengono tutti potenzialmente sospettati di diffondere immagini e testi illegali, senza alcuna giustificazione. Tuttavia, secondo la giurisprudenza della Corte di giustizia europea, una ricerca automatizzata permanente e globale di comunicazioni private viola i diritti fondamentali ed è quindi vietata (causa C-511/18, punto 192).

Allo stesso tempo, le ricerche automatizzate delle comunicazioni private possono avere effetti dannosi su coloro che dovrebbero essere protetti dal regolamento. Le vittime di violenza sessuale hanno ripetutamente sottolineato la grande importanza dei canali di comunicazione riservati. Tuttavia, l’introduzione del monitoraggio automatizzato in tempo reale priverebbe le vittime di abusi proprio di questi spazi sicuri per lo scambio e la comunicazione confidenziale con avvocati e terapisti.

Infine, vorrei attirare la vostra attenzione sui pericoli delle tecnologie di riconoscimento di immagini e testo.

Secondo la polizia federale svizzera, il 90% dei contenuti segnalati dagli algoritmi non è criminale e mostra, ad esempio, foto delle vacanze scattate in spiaggia con bambini che giocano. Tuttavia, anche un’indagine penale ingiustificata può distruggere famiglie e vite. Inoltre, i giovani saranno criminalizzati in modo sproporzionato dall’introduzione di controlli chat. Secondo le statistiche tedesche sulla criminalità, il 40% di tutte le indagini per possesso di materiale pedopornografico sono rivolte ai minori.

Pertanto, vi chiedo di schierarvi per la salvaguardia dei nostri diritti fondamentali anche nello spazio digitale e di votare contro l’adozione della deroga alla Direttiva e-Privacy.

Cordiali saluti

I pochi articoli in italiano che parlano di questo provvedimento

L’informazione in italiano, fino al mese scorso è stata portata avanti soprattutto da questo blog e dall’associazione Pirati.

Nell’ultimo mese, si è associato alla campagna informativa il collettivo “Etica Digitale” che ha pubblicato un primo articolo e una successiva precisazione, che a nostro parere non cambia di molto quanto indicato nel primo post.

Tra i siti di informazione on line, segnaliamo invece tre contributi:

  1. l’articolo pubblicato su DDay.itControllare SMS ed email con l’IA per contrastare la pedopornografia: approvata la proposta europea“, a firma di Sergio Donato;
  2. l’articolo pubblicato su Agenda Digitale “Violenza sui minori online, la nuova proposta Ue è un disastro per i nostri diritti”, firmato da Matteo Navacci di Privacy Network;
  3. infine va segnalato l’articolo “La pressione dei governi spinge le piattaforme verso più censura e meno privacy per gli utenti” che Carola Frediani ha pubblicato su Valigia Blù, e che, oltre a parlare del provvedimento #chatcontrol, costituisce la più completa rassegna in lingua italiana di tutti gli attacchi che i governi nazionali del mondo stanno sferrando contro la privacy, la libertà di informazione e l’accesso alla conoscenza: l’articolo è stato tradotto automaticamente sul sito dell’Associazione Pirati in inglese, tedesco e francese per diffonderne i contenuti in europa.

Vuoi segnalare un errore o dare un suggerimento? Scrivici su TwitterMastodon o sul gruppo telegram Comunicazione Pirata