Partito Pirata Europeo Stato di diritto Trasparenza

L’UE CONFERMA: PEGGIORA LO STATO DI DIRITTO NEL GRUPPO DI VISEGRAD

Riportiamo il post di Mikuláš Peksa apparso sul sito del PP-EU e sulla pagina web dell’europaramentare Pirata.

MIKULÁŠ PEKSA: 

Alla fine di settembre, la Commissione europea ha presentato la prima relazione che valuta la situazione dello Stato di diritto in tutti gli Stati membri dell’UE. La relazione ha rilevato carenze in tutti gli Stati membri, ma in alcuni la situazione è davvero allarmante. 

La Commissione europea ha valutato quattro aree in tutti gli stati: indipendenza giudiziaria, libertà dei media, misure anticorruzione e struttura istituzionale [1] . Il rapporto è stato composto sulla base del dialogo con i governi, le parti interessate e il settore non profit. La relazione non introduce sanzioni dirette. Tuttavia, potrebbe svolgere un ruolo significativo nei negoziati autunnali su un meccanismo inteso a limitare (o interrompere del tutto) il flusso di fondi europei nei paesi in cui il denaro viene sistematicamente utilizzato in modo improprio.

In questo articolo scoprirete di più sulle questioni che la Commissione ha riscontrato in tutta l’UE, sul modo in cui le questioni relative allo Stato di diritto dovrebbero essere affrontate e su cosa possiamo aspettarci in futuro.


[1] Nel contesto del rapporto, la struttura istituzionale si riferisce all’equilibrio di potere tra i diversi rami degli Stati, al sistema di controlli ed equilibri.

Problemi a livello europeo

Al momento dell’adesione all’UE, tutti gli Stati membri dovevano rispettare i requisiti dello Stato di diritto. Molti stati hanno anche promesso di continuare a lavorare su aree specifiche al momento dell’adesione. Tuttavia, la situazione attuale mostra che in alcuni Stati il livello dello Stato di diritto è molto peggiore ora rispetto al momento della loro adesione. Ad esempio, posso vedere chiaramente che allo stato attuale dell’Ungheria non sarebbe affatto consentito aderire all’Unione.

Nella relazione, la Commissione europea ha espresso preoccupazione per quattro paesi che hanno riscontrato gravi problemi con lo Stato di diritto. Questi sono Polonia, Bulgaria, Ungheria e Slovacchia. La relazione è stata redatta in parte a causa delle ripetute denunce dell’Ungheria e della Polonia in cui si afferma che la Commissione si è concentrata ingiustamente solo su di loro nei dibattiti sullo stato di diritto.

Il principale punto di critica per la Polonia è stata la controversa riforma giudiziaria introdotta dal partito di governo Legge e giustizia. Una delle leggi che facevano parte del pacchetto vieta ai giudici di mettere in discussione l’indipendenza di altri giudici, minacciandoli di multe o addirittura di licenziamento. Il rapporto ha anche condannato la discriminazione delle minoranze sessuali in alcuni comuni polacchi che si sono dichiarati “zone libere da LGBT”. Queste zone non sono in alcun modo vincolanti, ma le persone LGBTQ + semplicemente non possono avere una buona vita in città che affermano di non avere cittadini LGBT. Le zone sono anche utilizzate come motivo per vietare le parate dell’orgoglio e altri eventi LGBTQ +.

La Slovacchia è stata criticata per il suo approccio sostanzialmente indifferente alla lotta alla corruzione; un problema illustrato in tempo reale dall’aberrante Caso Cattleman. Gli agricoltori slovacchi hanno descritto casi scioccanti di accaparramento di terre e corruzione legati ai sussidi agricoli dell’UE, con un sistema di corruzione quasi incredibile. Ulteriori informazioni sulla situazione in Slovacchia. La sicurezza dei giornalisti è diventata anche un argomento importante in seguito all’omicidio del giornalista Ján Kuciak, che ha scritto sulla frode dei sussidi agricoli. Ci sono prove che i giornalisti sono soggetti a sorveglianza illegale e che la polizia trascura di indagare sulle minacce nei loro confronti. La Slovacchia ha anche un problema con la proprietà poco chiara delle società di media e l’influenza delle strutture oligarchi sui politici.

Il problema principale dell’Ungheria è il pluralismo dei media limitato poiché due anni fa il governo ha unito la maggior parte dei media ungheresi, formando un cartello sostenuto dallo stato, mentre i rimanenti media indipendenti devono lottare per la sopravvivenza senza alcun sostegno finanziario. Altre preoccupazioni menzionate nel rapporto sono le riforme della magistratura, che hanno rafforzato la presa del governo su di essa, i legami tra i politici e alcune società statali e un’enorme pressione sulle organizzazioni non profit.

L’elenco dei paesi molto problematici include anche Malta , a causa di scandali di corruzione e l’omicidio di un giornalista, e la Romania, a causa delle preoccupazioni per l’indipendenza della magistratura.

Con sette problemi seri, la Repubblica Ceca non è il peggiore degli Stati membri, ma il rapporto è critico in molte aree importanti . La Repubblica Ceca è ancora in attesa di una legge sulla protezione degli informatori. La Commissione europea ha anche espresso preoccupazione per un controverso emendamento che aumenterebbe l’influenza del governo nella selezione del procuratore generale e dei procuratori principali. Il 64% dei cechi ritiene che i casi di corruzione ad alto livello non siano perseguiti a sufficienza. [1] La relazione della Commissione europea concorda con questa valutazione, esprimendo il sospetto che le indagini sui casi di corruzione ad alto livello siano sistematicamente trascurate .

Problemi e punti ciechi

Il rapporto non è perfetto. Il suo problema principale è la vaghezza e la riluttanza a nominare apertamente i problemi . Ad esempio, il capitolo sulla Repubblica Ceca non menziona Andrej Babiš, i suoi scandali e la sua frode sui sussidi, anche se il rapporto è incentrato sul conflitto di interessi e mette in guardia contro gli abusi dei fondi europei. Si afferma solo che è attualmente in corso un’indagine su un caso importante a livello nazionale (l’indagine sulle frodi sui sussidi collegata alla fattoria Stork’s Nest). Almeno il capitolo ungherese contiene più volte il nome del primo ministro Viktor Orbán e del suo partito, Fidesz, ma in questo caso guardare dall’altra parte sarebbe semplicemente impossibile.

È anche un peccato che a questo punto stiamo ottenendo solo una panoramica complessa, anche se sappiamo da diversi anni del deterioramento della situazione in Ungheria e Polonia. Entrambi questi paesi hanno respinto i risultati del rapporto e ne hanno messo in dubbio il concetto, la metodologia e le risorse. [2]

La Commissione europea era anche riluttante a formulare raccomandazioni specifiche per i singoli stati nel rapporto. Potrebbero apparire in autunno, quando i Commissari intendono discutere i risultati della relazione con i parlamenti e le autorità nazionali.

Soluzione: fondi solo per gli Stati che rispettano lo stato di diritto

La relazione sullo Stato di diritto ha evidenziato un grave problema: l’incapacità della Commissione europea di applicare i principi dello Stato di diritto. Attualmente esiste un sistema che consente all’UE di imporre sanzioni a uno Stato che viola i principi dello Stato di diritto, ma è guidato dalla regola dell’unanimità. Ciò significa che se uno stato blocca le sanzioni, non accadrà nulla. Questo è inaccettabile.

I tribunali possono offrire una soluzione parziale. La Commissione europea ha avviato più volte procedimenti contro l’Ungheria e la Polonia per violazioni dello Stato di diritto e finora ha sempre vinto le cause. Tuttavia, i tribunali possono trattare casi individuali, ma l’Europa ha bisogno di una soluzione sistemica.

Nei negoziati di luglio sul bilancio settennale dell’UE e sul fondo di recupero, che ammontava a 1,82 miliardi di euro, un livello record, la Commissione europea ha presentato una proposta per subordinare l’accesso ai fondi europei al buono stato di diritto. Tuttavia, questa condizionalità è stata bloccata da Ungheria e Polonia: i due paesi hanno affermato che se la condizione fosse passata, avrebbero bloccato l’intero accordo di bilancio, che necessita anche dell’unanimità. Ancora una volta l’unanimità si è rivelata un meccanismo che indebolisce l’UE.

In un momento in cui l’UE sembra incapace di riunirsi, possiamo cercare ispirazione per la Norvegia, che ha assunto una posizione molto più rigorosa sulle violazioni dello Stato di diritto. La Norvegia non è uno stato membro dell’UE, ma contribuisce all’UE attraverso i Norway Grants, in cambio dell’accesso al mercato unico. Piuttosto che sostenere indirettamente le riforme della Legge e dell’Ordine, i norvegesi hanno congelato i loro fondi per la Polonia. Hanno anche vietato a tutti i comuni polacchi che si sono dichiarati zone libere da LGBT di accedere alle loro sovvenzioni. Finora, la Norvegia ha trattenuto un importo di 165 milioni di euro in sovvenzioni.

È ovvio a questo punto che il prossimo bilancio pluriennale conterrà una sorta di condizionalità dello Stato di diritto. Mentre il Parlamento europeo ha chiesto una versione più rigorosa di quanto concordato a luglio, la Presidenza tedesca ha presentato una proposta di compromesso. Le regole esatte sono ancora oggetto di negoziazione, ma la domanda principale è: l’Europa troverà una soluzione funzionale o ci ritroveremo con un meccanismo privo di sostanza che non verrà mai utilizzato nella pratica?


Risorse

[1] Indagine speciale Eurobarometro 2020 sulla corruzione

[2] https://dailynewshungary.com/hungary-poland-justice-ministries-react-to-eu-rule-of-law-report/

0 comments on “L’UE CONFERMA: PEGGIORA LO STATO DI DIRITTO NEL GRUPPO DI VISEGRAD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.