Diritto alla conoscenza Partito Pirata Europeo

Eliminare le restrizioni geografiche di accesso per un’Europa davvero unita

Il comunicato dell’europarlamentre pirata Marcel Kolaja, sul sito del Partito Pirata Europeo

Bruxelles, 30 novembre 2020 – La Commissione Europea ha pubblicato oggi il primo rapporto sul regolamento per contrastare le restrizioni geografiche ingiustificate. Il regolamento è stato adottato nel 2018. Il blocco geografico impedisce ai cittadini di accedere ai contenuti in linea in base alla loro posizione. In altre parole, queste sono le restrizioni territoriali che impediscono agli utenti di guardare video, ascoltare musica, leggere e-book o giocare. Quindi, è un argomento critico soprattutto al tempo della pandemia. Il vicepresidente del Parlamento europeo Marcel Kolaja chiede da tempo di eliminare tali blocchi geografici ingiustificati nell’Unione europea.

“Soprattutto in tempi di pandemia globale, quando le persone fanno affidamento sui servizi in linea, la restrizione geografica ingiustificata sta diventando un problema serio. Tutti dovrebbero essere in grado di accedere alle informazioni on-line, senza alcuna discriminazione basata sulla loro posizione, nazionalità o lingua che parlano”, ha affermato Marcel Kolaja. “La buona notizia è che la quantità di contenuti bloccati geograficamente è in calo, secondo il rapporto della Commissione. Tuttavia, dobbiamo eliminare il blocco geografico dei contenuti limitati dal diritto d’autore. Per questo, abbiamo bisogno di copyright unitario “, ha aggiunto Kolaja.

“È assolutamente chiaro che abbiamo bisogno di una legislazione in questo campo, poiché l’industria non risolverà questo problema da sola”, ha affermato Kolaja. “Poiché ci sarà una consultazione su questo rapporto, il pubblico in generale può esprimere le proprie opinioni sulla questione dei blocchi geografici, che consiglio vivamente”, ha concluso Kolaja.

0 comments on “Eliminare le restrizioni geografiche di accesso per un’Europa davvero unita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.