Diritti Partito Pirata Europeo Privacy Tecnocontrollo Trasparenza

Il Digital Services Act (DSA) deve essere incentrato sull’Uomo. Regole future su Internet da introdurre domani

Riportiamo questo post di Marcel Kolaja, europarlamentare del Partito Pirata e vicepresidentedel Parlamento Europeo, sul Digital Services Act (DSA).

Bruxelles, 14/12/2020 – La proposta di future regole per Internet sarà proposta domani dalla Commissione europea. Il Digital Services Act (DSA) interesserà i social network, le piattaforme di e-commerce, l’hosting di file o i servizi di condivisione di file. Secondo il vicepresidente del Parlamento europeo Marcel Kolaja, dobbiamo garantire che le norme future non danneggino i diritti fondamentali.

“La mia posizione è chiara: voglio che Internet sia incentrato sull’uomo e che le regole future proteggano i diritti fondamentali. In pratica, ciò significa garantire una crittografia forte, salvaguardie per i diritti fondamentali, dare alle persone la possibilità di rimanere anonimi online e vietare il micro-targeting non consensuale e la pubblicità comportamentale “, afferma Kolaja.

All’inizio di quest’anno, il Parlamento europeo ha già chiarito la sua posizione sulla questione. Consisteva anche in un meccanismo di avviso e azione, che dovrebbe fornire alle persone un modo semplice per cercare rimedio, se necessario.

“Soprattutto, deve essere mantenuto un principio di non obbligo di monitoraggio. I filtri di caricamento pregiudicherebbero i diritti fondamentali. La libertà degli utenti deve essere al primo posto nella nostra mente quando creiamo una nuova legislazione “, conclude Kolaja.

Dopo la sua pubblicazione, la proposta è modificata a livello di Parlamento e Consiglio. Il processo legislativo dovrebbe durare diversi anni.

0 comments on “Il Digital Services Act (DSA) deve essere incentrato sull’Uomo. Regole future su Internet da introdurre domani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.