Riportiamo questo post di Marcel Kolaja, europarlamentare del Partito Pirata e vicepresidentedel Parlamento Europeo, sulla proposta di normativa che la Commissione Europea promulgherà sulla disciplina di utilizzo dei servizi Internet.

Un regalo di Natale

Proposta di futura regolamentazione di Internet

Il 15 dicembre la Commissione Europea emetterà una proposta di normativa che disciplinerà l’utilizzo dei servizi Internet che utilizziamo quotidianamente (social network, piattaforme di e-commerce, file hosting, servizi di condivisione e simili). La proposta sarà trasmessa al Parlamento e al Consiglio per modificarla.

Situazione in Parlamento

Nel frattempo, il Parlamento ha già adottato le sue opinioni politiche preliminari (non legalmente vincolanti) su come dovrebbe essere la futura legislazione su Internet. Puoi saperne di più in uno dei miei precedenti post sul blog .

Situazione negli Stati membri

In Consiglio, molti Stati membri hanno formulato posizioni preliminari individuali e comuni. Alcuni degli Stati membri più grandi (ad esempio la Francia) hanno esercitato pressioni per una legislazione europea forte e obblighi più severi per le piattaforme tecnologiche , a seguito della decisione della corte costituzionale che dichiara incostituzionale la legge sull’aviazione. Vedi il mio post precedente sulla legge sull’aviazione e altro sulla decisione del tribunale .

Sfortunatamente, la Repubblica Ceca non è molto meglio. Anche se era molto critico nei confronti della legge francese sull’aviazione , come parte dei paesi D9 +, il paese ha rilasciato una dichiarazione che vuole chiaramente incoraggiare l’uso di filtri automatizzati .

Il 15 dicembre, nonostante le prime fughe di notizie dai piani della Commissione, spero di vedere una legislazione più ambiziosa con i seguenti attributi:

  • Rimozione limitata ai contenuti illegali.
  • NO all’obbligo generale di monitoraggio e filtraggio.
  • Un meccanismo di avviso e azione con garanzie per i diritti fondamentali.
  • Previsione di sanzioni per gli avvisi emessi in malafede per ingannare il sistema.
  • Il diritto all’anonimato non dovrebbe essere compromesso.
  • Forte protezione per la crittografia.
  • Obbligo di interoperabilità per le piattaforme dominanti.
  • Divieto di micro-targeting non consensuale e pubblicità comportamentale.

0 comments on “Letterina di Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.