Riportiamo il comunicato del PP-EU sul nuovo Digital Services Act che ha lasciato delusione per la negazione di fatto della crittografia e dell’anonimato come diritti dei cittadini che navigano su internet, ma anche per la conferma delle disposizioni transfrontaliere di rimozione dei contenuti contestati.

Bruxelles 15/12/2020 – La Commissione Europea ha presentato oggi il Digital Services Act (DSA), proponendo la più grande revisione delle regole di Internet in 20 anni. Il DSA introdurrà nuove regole per i giganti della tecnologia come Facebook e Google. Mentre i pirati apprezzano alcuni obblighi per le aziende con una posizione di mercato dominante, la proposta non soddisfa le aspettative.

A seguito di una richiesta di un quadro giuridico chiaro per le piattaforme online da parte dei deputati al Parlamento europeo il 21 ottobre, la Commissione europea ha presentato oggi una proposta per una serie di nuove regole per Internet. Il Digital Services Act (DSA) avrà un impatto sulle piattaforme di e-commerce, sui social network o sui servizi di condivisione e hosting di file. Tuttavia, la proposta della Commissione non arriva abbastanza lontano, poiché il pericoloso status di monopolio dei giganti di Internet come Facebook e Google rimarrà indiscusso. La legislazione sarà ora aperta agli emendamenti da parte del Parlamento e del Consiglio.

L’eurodeputato pirata Marcel Kolaja, vicepresidente del Parlamento europeo e coordinatore IMCO per i Verdi / ALE, chiede un Internet incentrato sulle persone con enfasi sui diritti degli utenti:

“La proposta della Commissione del DSA, purtroppo, non introduce alcuna protezione per la crittografia dei dati. Inoltre, sarà impossibile per gli utenti esercitare i propri diritti e rimanere anonimi, poiché devono condividere i loro nomi quando notificano contenuti illegali“, afferma Kolaja. “È anche deludente vedere che non solo i contenuti illegali ma anche dannosi rientrano nell’ambito di applicazione. D’altro canto, sono lieto che le piattaforme non saranno obbligate a spiarci, poiché la Commissione ha mantenuto il principio dell’assenza di obbligo di monitoraggio generale.

Per quanto riguarda il micro-targeting e la pubblicità comportamentale, la proposta include obblighi di trasparenza. “Ad esempio, il contenuto dell’annuncio, così come la persona che l’ha pagato, dovrebbe essere divulgato. Tuttavia, vorrei anche assistere a una discussione politica sul divieto di tali pratiche.

Inoltre, il documento ammette la possibilità di un sistema di notifica e azione; tuttavia, il verdetto sull’illegalità sarebbe con le piattaforme. Continuerò a insistere sul fatto che la decisione finale deve rimanere con tribunali indipendenti”.

Patrick Breyer , eurodeputato tedesco per i pirati europei e relatore di opinione per la commissione per gli affari legali, è deluso:

“La proposta pro-industria della Commissione Europea non tocca il modello di business capitalista di sorveglianza di spiare e sfruttare la vita digitale delle persone. Per proteggere gli utenti dal furto di identità, hanno bisogno del diritto di utilizzare Internet in modo anonimo. Tuttavia, questo progetto di legge dichiara persino che il legittimo anonimato è un fattore di rischio.

La proposta della Commissione non solo manca di vietare le macchine di censura dei filtri di caricamento soggette a errori, ma potrebbero anche essere rese obbligatorie per le grandi piattaforme. Un altro pericolo per la libertà di espressione online sono i provvedimenti di rimozione transfrontalieri dei contenuti, che possono essere emessi senza autorizzazione giudiziaria. Gli stati membri con governi autoritari possono utilizzare questi ordini per applicare leggi di censura nazionale eccessive in tutta l’UE.

La Commissione europea non riesce ad affrontare il monopolio dei giganti di Internet e a rendere interoperabili reti sociali eccessivamente potenti con fornitori alternativi.

La protezione della libertà di espressione e della privacy sono essenziali per l’autodeterminazione digitale, per la quale il Parlamento europeo deve battersi nei prossimi negoziati”.


Per ulteriori dettagli e richieste da parte dei media, contattare:

Nikolaus Riss per tedesco e inglese

nikolaus.riss@europarl.europa.eu

+436769694000

Tomáš Polák per ceco e inglese

tomas.polak@europarl.europa.eu

+420728035059

0 comments on “Pirati: il nuovo Digital Services Act è deludente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.