Libertà di informazione Partito Pirata Europeo Stato di diritto

Cosa c’è da sapere sulla crisi nell’Ungheria di Orbàn?

Riportiamo il post apparso lo scorso 18 dicembre nella pagina personale di Mikuláš Peksa.

La scorsa settimana l’Unione Europea ha approvato il suo budget settennale e il Recovery Fund, che aiuteranno l’Europa a riprendersi dagli effetti della crisi del coronavirus.

L’approvazione ha avuto successo anche a condizione di un buono stato di diritto , a causa della quale il bilancio e il Fondo sono stati bloccati da Ungheria e Polonia per diverse settimane . Insomma, da gennaio, solo gli Stati membri che mantengono la propria istituzione democratica possono attingere al denaro europeo.

Non sorprende quindi che l’Ungheria fosse infastidita da questa condizione. Il primo ministro Viktor Orbán e il suo partito Fidesz hanno apportato un cambiamento completo al sistema politico negli ultimi dieci anni. E in una forma tale che l’Ungheria probabilmente non sarebbe affatto accettata nell’UE oggi. Tuttavia, Viktor Orbán è un politico popolare nella Repubblica Ceca, il 48% dei Cechi ha un’opinione favorevole di lui.

Visto da quanto tempo ha governato Orbán, i problemi sono davvero tanti. Le conseguenze della rivoluzione nazionale di Orbán si riflettono nella vita nel paese, dai libri di testo per bambini al sistema costituzionale. Pertanto, ho preparato un articolo di riepilogo per voi, basato sul nostro webinar di dicembre, la cui registrazione può essere visualizzata qui . A gennaio ne stiamo preparando altri due: uno approfondirà la situazione della magistratura e dei media, l’altro esaminerà l’abuso di denaro europeo e statale da parte di Orbán a proprio vantaggio.

Problemi dell’Ungheria contemporanea

Cambiamenti nella giustizia

Viktor Orbán e il suo partito Fidesz hanno ottenuto la maggioranza costituzionale dal 2010, il che consente loro di approvare facilmente le modifiche alla costituzione. L’unica cosa che può ostacolare la maggioranza costituzionale in parlamento è la corte costituzionale. Viktor Orbán sapeva di dover ottenere rapidamente quest’ultima assicurazione . Quindi aumentò il numero dei suoi membri e aggiunse il resto al suo popolo – e nacque la maggioranza nella Corte costituzionale. Nel 2012 è stata adottata una nuova costituzione senza consultazione con l’opposizione e le organizzazioni non governative , che da allora ha subito sei (!) Modifiche .

La Fidesz si è sbarazzata degli altri giudici scomodi abbassando l’età pensionabile da settanta a sessantadue anni. I giudici che sono stati costretti a lasciare spesso sono riusciti in tribunale (discutendo sulla discriminazione in base all’età), ma le loro posizioni erano generalmente attese da tempo e non potevano tornare alle loro posizioni originali. La situazione nel settore giudiziario è generalmente allarmante, come ha sottolineato la Commissione europea nella relazione di quest’anno sullo Stato di diritto negli Stati membri dell’UE .

Controllo delle istituzioni

Viktor Orbán è inventivo nel costruire il suo stato illiberale. Subito dopo aver preso il potere, si rese conto che per prendere il potere reale nello stato, doveva controllare più o meno tutte le sue istituzioni. Ha immediatamente installato la sua gente in tutte le posizioni elevate, ove possibile. Ma è sorta la domanda, che fare di quei posti dove non è possibile. Si aiutò creando altre istituzioni superiori originali, dove la gente di Orbán era già insediata, spesso per un periodo estremamente lungo. Un esempio per tutti è il National Budget Council, un organo composto da tre membri che deve approvare il budget di ogni governo. I suoi membri sono eletti per 9 anni, quindi anche se Fidesz perde nei prossimi anni, il prossimo governo avrà un grosso problema nell’approvazione del bilancio. E come tutti sanno, il bilancio provvisorio di solito finisce con la caduta del governo.

Nel complesso, il governo sta facendo di tutto per garantire che nulla ostacoli il suo potere. A novembre ha reintrodotto i poteri del governo di emergenza (con il pretesto di fermare la diffusione del coronavirus). Lo ha fatto per la prima volta in primavera e c’è stata un’enorme polemica al riguardo, poiché la maggior parte delle misure non erano affatto correlate all’epidemia e avevano una validità illimitata. Dopo le critiche, è stato annullato e questa volta il provvedimento scade dopo novanta giorni. Tuttavia, le organizzazioni senza scopo di lucro avvertono che il governo ha più poteri in primavera rispetto a prima della crisi del coronavirus.

Uso improprio del denaro europeo

Fidesz non fa mistero del fatto che usa i soldi europei per affermare il potere dei nuovi oligarchi alleati del governo. Transparency International stima che la corruzione accompagni il 90% dei progetti cofinanziati dall’UE. Come ha detto al webinar il direttore del settimanale Respekt, Tomáš Brolík, sta apertamente realizzando la sua teoria storico-politica, secondo la quale l’Ungheria sta creando una nuova élite finanziaria indipendente dall’Occidente abusando del denaro europeo. Ma i cittadini dell’Unione europea non vogliono più che Orbán paghi per il suo sogno autocratico.

È noto pubblicamente che le persone vicine a Viktor Orbán vincono contratti statali finanziati da Eurofunds. Ma cosa succede quando l’UE lo scopre? Qualche anno fa, l’Ufficio europeo per la lotta antifrode ha scoperto un contratto fraudolento di illuminazione pubblica per il genero di Orbán di István Tiborcz. La Commissione Europea voleva un rimborso. Sebbene l’Ungheria li restituisse, non chiedeva più denaro alla società di Tiborcz e preferiva finanziare l’assistenza dal bilancio dello Stato, cioè dal denaro dei contribuenti. Il procuratore generale ungherese ha rinviato il caso.

È anche bello sapere che Viktor Orbán è uno stretto alleato di Andrej Babiš. È il secondo operatore nell’agricoltura ungherese ed è molto attento a non incrociare la strada degli imprenditori agricoli locali legati a Fidesz. In cambio, Orbán aiuta Babiš con sussidi agricoli dal bilancio ungherese.

La fine dei media indipendenti?

Gli imprenditori legati a Fidesz acquistano costantemente media ungheresi di ogni tipo, possedendo già circa il 90% del mercato dei media. Fidesz si è occupata del resto creando un’associazione mediatica i cui membri devono produrre contenuti “neutri”. Possiamo vedere come appare un contenuto così neutro nel caso di questo mese, quando l’eurodeputato Fidesz è stato catturato a una festa gay a Bruxelles durante un blocco. I media filogovernativi hanno riportato solo violazioni delle regole epidemiche, non una parola sul contesto e sui dettagli. Tuttavia, l’appartenenza a questo sindacato è legata al sostegno statale, quindi i media indipendenti stanno combattendo per la sopravvivenza.

No profit, istruzione e diritti umani

Il governo di Orbán ha approvato leggi contro le organizzazioni senza scopo di lucro , in particolare quelle dedicate ad aiutare le minoranze e la democrazia. Le organizzazioni non profit vengono insultate e screditate dai funzionari del governo, c’è un tentativo di creare una cattiva reputazione presso il pubblico. Alcune delle attività di queste organizzazioni sono persino criminalizzate, come aiutare i richiedenti asilo. La legge è scritta in modo così vago che anche la semplice prestazione di assistenza legale può facilmente entrare in questo settore. Nelle zone di transito al confine tra Ungheria e Serbia sono stati documentati molti casi di maltrattamenti (come negazione del cibo), anche contro i bambini.

Il capitolo stesso sono le università, le cui libertà accademiche sono limitate dalla posizione di amministratore governativo, che le supervisiona dal 2018 . Anche l’Accademia delle scienze ungherese è stata trasferita sotto un’istituzione controllata dal governo.

Mentre uno degli alti funzionari di Fidesz godeva della libertà belga in una festa gay a Bruxelles, Fidesz pianificava un altro cambiamento costituzionale. È passato pochi giorni fa e ha impedito alle coppie LGBT di adottare bambini . Durante il mese di orgoglio del 2019, ci sono stati diversi attacchi ai partecipanti alla parata, la polizia non li ha adeguatamente protetti e in alcuni casi ha scoraggiato le vittime dal denunciare l’attacco.

Elezioni libere?

Mi chiedete spesso se ci sono libere elezioni in Ungheria. La risposta a questa domanda è più complicata di quanto possa sembrare. Nel 2012, Fidesz ha cambiato il sistema elettorale per adattarlo al modello di un partito dominante e di un’opposizione frammentata. Nonostante i risultati elettorali di Fidesz siano in calo dal 2010, non ha mai perso la maggioranza costituzionale grazie a questo cambiamento. Dato che possiede la maggior parte dei media nel paese, è sproporzionatamente più facile per lui fare campagna elettorale. Inoltre, nelle elezioni parlamentari del 2018, le risorse del partito e dello Stato si sono sostanzialmente fuse, in modo che non fosse consentita la parità di concorrenza tra i partiti politici. Fidesz ha semplicemente molti più soldi per la campagna e non ha paura di fare un gioco molto sporco.

L’UE finalmente colpirà?

I primi problemi tra l’UE e l’Ungheria sono iniziati nel 2011 a causa delle restrizioni alla libertà dei media. Purtroppo, gli ultimi dieci anni sono stati segnati da compromessi sfavorevoli e ipocrisia da parte dell’Unione europea. Orbán è difeso da un potente Partito popolare parlamentare europeo (PPE), che ha formalmente sospeso la sua adesione lo scorso anno, ma continua a lavorare a stretto contatto per promuovere obiettivi comuni. Il precedente vicepresidente della Commissione europea ha persino affermato che se l’Ungheria non fosse stata membro del Partito popolare, avrebbe potuto essere molto più severo al riguardo. La Commissione Europea non è mai intervenuta (a differenza della Polonia) contro il cambiamento del sistema politico in Ungheria, il processo sanzionatorio nei suoi confronti è stato avviato due anni fa dal Parlamento Europeo. Mi auguro che la condizione di buono stato di diritto imposto dal Parlamento europeo sia l’inizio di una nuova era in cui la Commissione europea sta calpestando gli autoritari che vogliono guadagnarsi da vivere con i soldi europei.

0 comments on “Cosa c’è da sapere sulla crisi nell’Ungheria di Orbàn?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.