Partito Pirata Europeo Stato di diritto

Gregorová: le armi dei balcani finiscono nelle mani dei terroristi. Una nuova agenzia potrebbe risolvere il problema

Riportiamo il post di Markéta Gregorová, apparso sul sito del Partito Pirata Europeo.

L’eurodeputata Markéta Gregorová ha organizzato un dibattito internazionale sull’esportazione illegale di armi dai paesi balcanici. Ha presentato le conclusioni di uno studio internazionale del Tactics Institute, che rivela scorte illegali di armi dell’era della guerra e la relativa rete di corruzione. “Con queste armi sono stati commessi i peggiori attacchi terroristici in Europa”.

L’eurodeputata pirata Markéta Gregorová ha organizzato un dibattito internazionale online sulle esportazioni di armi all’interno del Parlamento europeo. Ha presentato le conclusioni del Rapporto principale dell’Istituto di tattica sui cosiddetti stati catturati, ovvero Stati più piccoli ed economicamente più deboli le cui posizioni sono oggetto di abuso da parte di Stati più grandi e attori del mercato – e le relative reti di corruzione con armi illegali dai Balcani. Ciò rappresenta un enorme rischio per la sicurezza.

” Non dobbiamo andare lontano per fare un esempio: per l’attacco terroristico più mortale in Europa di recente, a Parigi nel 2015, gli aggressori hanno utilizzato armi precedentemente utilizzate dall’esercito popolare jugoslavo e modelli di armi fabbricati in Albania “, avverte Gregorová.

Durante l’incontro di venerdì sono state discusse le possibilità di una soluzione. “ Una delle opzioni era, ad esempio, la creazione di un’agenzia che si sbarazzasse delle armi e compensasse gli stati per loro, in modo che abbiano la motivazione per cooperare e rompere i loro legami con il mercato nero. Un processo simile ha avuto luogo dopo la caduta dell’Unione Sovietica per mettere in sicurezza l’arsenale nucleare ” , ricorda Gregorová.

Un elemento importante dovrebbe essere gradualmente il previsto aggiornamento della direttiva 2009/81 / CE sugli appalti per la difesa e la sicurezza, a cui Gregorová sta affrontando a nome del Parlamento europeo.

“ Abbiamo un mercato unico, ma non un unico spazio normativo, e questo deve essere corretto. A livello europeo, in passato sono riuscito a spingere per un aggiornamento della legge che limita l’esportazione di armi e tecnologie a duplice uso agli Stati autoritari. Come ho sottolineato, questa non è una soluzione ingenua e autosufficiente. Ma questi sono passi parziali onesti, con i quali possiamo almeno andare nella giusta direzione ”, aggiunge il deputato.

0 comments on “Gregorová: le armi dei balcani finiscono nelle mani dei terroristi. Una nuova agenzia potrebbe risolvere il problema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.