Diritti Partito Pirata Europeo Stato di diritto Tecnocontrollo

#ReclaimYourFace: da oggi si firma l’ECI contro la sorveglianza di massa biometrica

Riportiamo di seguito il post dell’europarlamentare Pirata Patrick Breyer:

L’Europarlamentare Pirata Patrick Breyer chiede il sostegno per l’iniziativa dei cittadini a livello europeo “Reclaim Your Face” . Questa iniziativa dei cittadini sostiene il divieto della sorveglianza biometrica di massa nei luoghi pubblici dell’Unione europea. L’obiettivo attuale dell’iniziativa, che è supportata da più di 35 organizzazioni, è raccogliere un milione di firme in sei mesi per ottenere che la Commissione europea presenti ufficialmente un divieto legale sulla sorveglianza biometrica di massa. Breyer chiede che questa tecnologia di sorveglianza sia vietata all’interno dell’UE: 

“L’identificazione e il monitoraggio dei cittadini mediante identificatori biometrici porta la sorveglianza di massa negli spazi pubblici a un nuovo livello, le cui dimensioni distopiche possiamo solo intuire oggi. Le tecnologie di monitoraggio basate sulla valutazione delle nostre caratteristiche corporee individuali, come i tratti del viso o gli schemi di movimento, ci trasformano in codici a barre che possono essere letti sempre e ovunque. Il rilevamento automatico e la segnalazione di comportamenti evidenti crea anche una pressione costante di monitoraggio e regolazione, che è incompatibile con i nostri diritti fondamentali. Con “Reclaim Your Face”, i cittadini hanno ora l’opportunità di mettere sotto pressione la inattiva Commissione europea e chiedere un divieto a livello europeo. Affinché tutto ciò funzioni, abbiamo bisogno di moltissimi sostenitori “.

Alcuni Stati membri dell’UE stanno già sperimentando l’uso di tecnologie di sorveglianza biometrica, come l’uso di software di riconoscimento facciale in luoghi pubblici. Utilizzando la cosiddetta “intelligenza artificiale”, le autorità sono in grado di identificare chiaramente le persone e tracciare con precisione la loro ubicazione. Le caratteristiche del corpo registrate vengono confrontate con le voci nei database globali al fine di cercare criminali noti. Un tentativo della polizia federale alla stazione ferroviaria Südkreuz di Berlino ha dimostrato che 99 persone su 100 segnalate come “hit” erano innocenti e sospettate ingiustamente di un reato a causa della tecnologia inaffidabile.

Le organizzazioni per i diritti umani mettono in guardia anche contro l’uso di tecnologie di sorveglianza biometrica a causa del rischio di discriminazione che rappresentano. Perché gli algoritmi delle tecnologie di riconoscimento facciale hanno tassi di errore particolarmente elevati nel riconoscimento di persone non bianche [1] . Negli USA ci sono già stati i primi arresti di cittadini innocenti basati sull’utilizzo di tecnologie di sorveglianza biometrica [2]. Di conseguenza, molti stati hanno approvato leggi che vietano la tecnologia di riconoscimento facciale. Nell’Unione europea non esiste attualmente un quadro giuridico per regolamentare tali metodi di monitoraggio. Tuttavia, la Commissione UE ha annunciato che presenterà un pacchetto legislativo sulla gestione della cosiddetta intelligenza artificiale ad aprile. Breyer fa appello:

“L’Unione Europea ha urgente bisogno di riconoscere i pericoli che comporta l’uso della sorveglianza biometrica di massa. Con le leggi previste sull’uso dell’intelligenza artificiale, la Commissione ha l’opportunità di ascoltare i numerosi avvertimenti della società civile e delle organizzazioni per i diritti umani e di vietare l’uso di queste tecnologie estremamente soggette a errori “.

L’iniziativa dei cittadini europei “Reclaim Your Face” chiede alla Commissione europea di presentare una proposta legislativa per vietare le tecnologie biometriche di sorveglianza di massa. La raccolta delle firme dura un anno ed è possibile accedervi sul sito Web “Reclaim Your Face” . 

Il gruppo di cui fa parte Breyer, Verdi / ALE, sta promuovendo l’attuazione politica di tale divieto al Parlamento europeo con una serie di eventi e contratti di studio.

Altri articoli sull’argomento

  1. Querela sulla trasparenza contro la ricerca segreta della sorveglianza dell’UE: i giudici mettono in dubbio la segretezza
  2. Pirati: la risoluzione sull’intelligenza artificiale raccomanda l’uso di tecnologie soggette a errori nella magistratura e negli spazi pubblici
  3. Discriminazione tramite sorveglianza di massa biometrica: registrazione del nostro evento online
  4. Patrick Breyer fa domanda per il finanziamento della ricerca dell’UE sulle decisioni informatiche e le ombre dei dati su Internet
  5. “Video lie detector” – l’UE non risponde – Extreme News [esterno]

0 comments on “#ReclaimYourFace: da oggi si firma l’ECI contro la sorveglianza di massa biometrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.