Partito Pirata Europeo Stato di diritto Trasparenza Whistleblowing

Corruzione e frodi aumentano nella UE: la crisi Covid-19 ha versato benzina sul fuoco

Il post pubblicato oggi sul sito web del Partito Pirata Europeo restituisce aggiornamenti importanti sui report e i provvedimenti della Commissione Europea.

Ricordiamo che la particolare attenzione rivolta ai paesi dell’est Europa e, in particolare, della Repubblica Ceca è dovuta al fatto che tre europarlamentari pirata su quattro provengono dalla Repubblica Ceca che ha visto recentemente una forte affermazione del Partito Pirata. I pirati Cechi hanno saputo disinnescare molti progetti che il Governo ceco stava realizzando attraverso personaggi della finanza e dell’industria legati ai membri della maggioranza (a volte, addirittura in stretti rapporti con alcune potenze straniere) e senza garantire la dovuta trasparenza.

Inutile dire quanto si senta l’esigenza di un’impronta pirata anche nella politica del nostro paese.

Il testo del comunicato

Questo autunno, l’Unione europea ha pubblicato due importanti rapporti che offrono una panoramica completa della situazione in materia di corruzione e frode dei fondi europei per il 2019. Uno di questi è pubblicato ogni anno dall’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF, European Anti-Fraud Office); l’altro proveniva direttamente dalla Commissione Europea. Ci sono due ragioni principali per cui dovremmo essere interessati ai risultati dei rapporti, e li riassumeremo in questo articolo.

  1. La lotta alla corruzione e alle frodi è diventata più urgente a causa della crisi del Covid-19. Nell’attuale crisi sanitaria ed economica, proteggere il denaro dei cittadini europei è più importante che mai. Negli anni successivi verranno distribuiti gli stanziamenti del Fondo di recupero relativo a Covid. La Repubblica Ceca avrà diritto a un massimo di 175 miliardi di corone ed è essenziale che questo denaro sia incanalato nell’innovazione, nella digitalizzazione dello stato e nell’istruzionenon nelle borse di truffatori, oligarchi e mafia .
  2. In generale, è molto più facile prevenire la corruzione e la frode che sottoporsi a un lungo recupero del denaro perso. Una relazione della Corte dei conti europea mostra che degli 8,8 miliardi di EUR persi a causa di frodi e corruzione tra il 2002 e il 2016, solo 2,6 miliardi sono stati recuperati.

L’OLAF è incaricato di tutelare gli interessi finanziari dell’UE e di individuare le frodi sui fondi europei. Conduce indagini amministrative e collabora con le autorità investigative nazionali. Le attività dell’OLAF nel 2019 sono state riassunte nella sua relazione annuale. Nella Repubblica Ceca, si sono concentrate sul conflitto di interessi del primo ministro Babiš e nel 2019 l’agenzia ha indagato e chiuso 3 casi lì. Nell’ultimo anno, l’OLAF ha aperto 223 indagini, che hanno portato a 181 casi conclusi e ha formulato 254 raccomandazioni. Ha raccomandato il recupero di un totale di 486 milioni di euro persi a causa della frode.

La Commissione europea ha la responsabilità di garantire che i fondi europei finiscano dove dovrebbero. Una volta all’anno pubblicano il Rapporto sulla tutela degli interessi finanziari dell’Unione Europea (il Rapporto PIF: The Protection of the Financial Interests of the European Union).

Prima la notizia cattiva:

  • I risultati di entrambe le relazioni mostrano che esiste un problema sistemico con la frode dei sussidi nell’agricoltura e nella politica di coesione , intesa a bilanciare le differenze tra le regioni. L’anno scorso le frodi in agricoltura sono ammontate a 230 milioni di euro. Una tendenza è quella di avere meno casi di frode, ma con enormi somme perse in ciascuno di essi. Nel caso della politica di coesione, la frode scoperta ha incanalato oltre 840 milioni di euro dal bilancio dell’UE. Il campo più vulnerabile è la ricerca e l’innovazione tecnologica (sicuramente tutti ricordiamo il pane tostato Penam) . I problemi con le sovvenzioni persistono soprattutto nell’Europa centrale e orientale, dove gli oligarchi si impossessano della terra di proprietà dei piccoli agricoltori per avere accesso a maggiori finanziamenti. Anche questa regione ne manca misure efficaci contro le frodi negli organismi pagatori e nelle società intermediarie. Ciò consente casi abnormi di corruzione, come il recente scandalo Dobytkár in Slovacchia. Registri non trasparenti significano anche che anche la Commissione europea spesso non sa dove finiscono i soldi del bilancio condiviso dell’UE.  Abbiamo però il sistema Arachne, che raccoglie i dati sui beneficiari finali dei fondi dell’UE. Quando le autorità conoscono i veri proprietari di una società che ha richiesto i sussidi, diventa più facile valutare se esiste il pericolo di conflitto di interessi o frode. L’uso di Arachne dovrebbe essere obbligatorio ei dati dovrebbero essere accessibili alla Commissione europea e all’OLAF.
  • Abbiamo grossi problemi con gli appalti pubblici; la situazione dell’assistenza sanitaria è particolarmente allarmante. Ciò è estremamente problematico, perché molto più denaro sarà alimentato nell’assistenza sanitaria negli anni successivi a causa del Covid-19 ed è essenziale che non vada perso per appropriazione indebita. Al momento, quindici Stati membri hanno già riscontrato irregolarità nei contratti medici, con i maggiori problemi in Romania, Slovacchia e Polonia. Eppure la Commissione ha affermato che il fatto che alcuni Stati non abbiano segnalato queste anomalie non suggerisce in alcun modo che non le abbiano. Nell’ultimo anno è aumentato il numero di casi riguardanti il contrabbando di farmaci e attrezzature mediche non approvati. Questo è motivo di preoccupazione, poiché può essere estremamente pericoloso.
  • La crisi del Covid-19 ha anche naturalmente creato la necessità di aggiudicare alcuni appalti pubblici utilizzando procedure di appalto d’urgenza. Ma l’urgenza spesso causa errori, omissioni e scelte problematiche dei fornitori. Non possiamo transigere quando si tratta di controllare la spesa dal bilancio dell’UE. Gli Stati membri devono rafforzare la trasparenza del modo in cui utilizzano i fondi europei e aggiudicare separatamente ogni contratto di emergenza. Dobbiamo anche passare rapidamente agli appalti elettronici, il che faciliterà la supervisione.
  • Solo il 39% delle raccomandazioni dell’OLAF ha portato all’incriminazione lo scorso anno. I pubblici ministeri spesso non utilizzano i materiali raccolti dall’OLAF (ad esempio vari documenti) e iniziano le indagini da zero, il che fa perdere tempo. In alcuni Stati, il sistema legale vieta ai tribunali di utilizzare le raccomandazioni e le conclusioni dell’OLAF come prove.
  • Un altro motivo di preoccupazione è l’ aumento del numero di casi di frode nei progetti ambientali e di sostenibilità. Ciò significa che perdiamo i soldi dei contribuenti europei e non ne traiamo alcun vantaggio, motivo per cui sosteniamo in primo luogo i progetti ambientali. La Commissione europea prevede che questo settore della criminalità e della frode sarà in aumento negli anni a venire e prevede di prestarvi particolare attenzione.

Qualche miglioramento:

  • L’UE ha adottato una nuova direttiva sugli informatori, che garantirà una migliore protezione per le persone che denunciano gravi violazioni del diritto dell’UE nell’interesse pubblico. Un informatore è ad esempio l’attuale o l’ex dipendente che ha esposto comportamenti non etici o illegali all’interno di un’azienda o di un’istituzione. Gli Stati membri devono attuare questa direttiva nella loro legislazione nazionale entro la fine del prossimo anno.
  • Nell’aprile del 2019, la Commissione europea ha adottato una nuova strategia antifrode , che infine enfatizza l’utilizzo  dell’analisi dei dati , una maggiore trasparenza e informatica forense per combattere le frodi. Questi campi beneficeranno di importanti investimenti.
  • Nel 2019 abbiamo compiuto progressi significativi nella creazione della Procura europea . L’Ufficio diventerà operativo entro la fine di quest’anno e avrà il potere di condurre indagini penali, arrestare sospetti o congelare conti. Una volta funzionante, l’ufficio dovrebbe garantire un maggior successo nel perseguimento dei crimini finanziari e un più facile recupero dei soldi persi a causa della frode.
  • La Commissione europea ha presentato la sua prima relazione che valuta la situazione dello Stato di diritto in tutti gli Stati membri dell’UE. Per ulteriori informazioni sull’andamento della Repubblica Ceca e di altri stati, puoi leggere questo articolo. La relazione non introduce sanzioni dirette, ma si spera che i suoi risultati aiuteranno i negoziatori a spingere per la condizionalità dello Stato di diritto sui finanziamenti dell’UE. Semplicemente non possiamo permettere che il denaro europeo finanzi la mafia slovacca , gli oligarchi bulgari o le attività non redditizie del primo ministro Babiš . Dovremmo conoscere i risultati finali riguardo a questa condizione entro la fine di quest’anno. Speriamo che l’Europa trovi soluzioni funzionali, non solo una dichiarazione vuota che non verrà mai utilizzata nella pratica.
  • La direttiva PIF è entrata in vigore nel 2019. È stata creata a causa dell’incapacità a lungo termine degli Stati membri di perseguire la frode dei fondi europei. Anche la percentuale di successo di queste azioni penali differiva notevolmente da stato a stato. La direttiva ha fornito una definizione di reati che ledono gli interessi finanziari dell’Unione e sanzioni minime e massime. I reati definiti in questa direttiva saranno indagati, perseguiti e applicati dalla Procura europea.

La conclusione è chiara. Gli Stati membri si trovano ad affrontare sfide quando si tratta di controllare il denaro europeo. L’UE, d’altro canto, ha bisogno di una leva per reprimere i truffatori. Non possiamo dormire sugli allori dei nostri limitati successi. Ora, la Commissione europea deve affrontare l’intero sistema di controllo finanziario e rilevamento delle frodi. Dopotutto, i truffatori sono inventivi: non appena avremo scoperto uno schema di frode, ne apparirà un altro, molto più sofisticato, al suo posto.

0 comments on “Corruzione e frodi aumentano nella UE: la crisi Covid-19 ha versato benzina sul fuoco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.