Hacking Politico Libertà di informazione Whistleblowing

Regno Unito: un esperto dell’ONU chiede il rilascio immediato di Assange dopo 10 anni di detenzione arbitraria

Riportiamo il comunicato apparso sul sito dell’UHCR

La maschera dell’eroe, realizzata da Pamela Ranya

GINEVRA (8 dicembre 2020) – Il Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, Nils Melzer, ha fatto appello oggi alle autorità britanniche affinché liberino immediatamente Julian Assange dalla prigione o lo mettano agli arresti domiciliari sorvegliati durante i procedimenti di estradizione degli Stati Uniti.

Ha lanciato l’appello urgente 10 anni dopo il primo arresto del signor Assange il 7 dicembre 2010, nel mezzo di un’epidemia di COVID-19 nella prigione di Belmarsh. I rapporti dicono che 65 dei circa 160 detenuti, compreso un numero nell’ala dove è detenuto il signor Assange, sono risultati positivi.

In un parere reso nel dicembre 2015, il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria ha rilevato che dal suo arresto il 7 dicembre 2010, il signor Assange era stato sottoposto a varie forme di privazione arbitraria della libertà, inclusi 10 giorni di detenzione nella prigione di Wandsworth a Londra; 550 giorni di arresti domiciliari e la continuazione della privazione della libertà nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, durata quasi sette anni. Dall’11 aprile 2019, il signor Assange è stato tenuto in isolamento quasi totale a Belmarsh.

Le autorità britanniche hanno inizialmente arrestato il signor Assange sulla base di un mandato di arresto emesso dalla Svezia in relazione ad accuse di cattiva condotta sessuale che da allora sono state formalmente ritirate per mancanza di prove. Oggi è detenuto esclusivamente a scopo preventivo, per garantire la sua presenza durante il processo di estradizione negli Stati Uniti in corso, un procedimento che potrebbe durare diversi anni”, ha detto Melzer.

“Il signor Assange non è un condannato a morte e non rappresenta una minaccia per nessuno, quindi la sua prolungata isolamento in una prigione di massima sicurezza non è né necessaria né proporzionata e chiaramente manca di qualsiasi base giuridica”.

La sofferenza progressivamente grave inflitta al signor Assange, a seguito della sua prolungata isolamento, equivale non solo alla detenzione arbitraria, ma anche alla tortura e ad altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti, ha detto Melzer.

Ha espresso particolare preoccupazione per l’esposizione del signor Assange al COVID-19 date le sue condizioni mediche preesistenti. “Le misure di decongestione delle carceri osservate in tutto il mondo in risposta al COVID-19 dovrebbero essere estese a tutti i detenuti la cui detenzione non è assolutamente necessaria”, ha detto l’esperto. “Innanzitutto, le misure alternative non detentive dovrebbero essere estese a coloro con vulnerabilità specifiche come il signor Assange che soffre di una condizione di salute respiratoria preesistente”.

A causa dei rischi significativi associati alla detenzione continua del signor Assange, in combinazione con le preoccupazioni più ampie che sono state ripetutamente espresse riguardo al suo trattamento e alle condizioni di detenzione, l’esperto ha ribadito i precedenti appelli affinché il signor Assange fosse immediatamente rilasciato o posto sotto custodia. arresto.

“I diritti del signor Assange sono stati gravemente violati per più di un decennio. Ora gli deve essere permesso di vivere una normale vita familiare, sociale e professionale, per recuperare la sua salute e per preparare adeguatamente la sua difesa contro la richiesta di estradizione degli Stati Uniti pendente contro di lui” ha detto.

Alla luce della prevista decisione di primo grado sulla sua estradizione il 4 gennaio 2021, l’esperto ha anche ribadito il suo invito alle autorità britanniche a non estradare il signor Assange negli Stati Uniti a causa di gravi preoccupazioni per i diritti umani.

FINE DEL COMUNICATO

* L’esperto : Sig.Nils Melzer , Relatore speciale sulla tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti

I Relatori Speciali, Esperti Indipendenti e Gruppi di Lavoro fanno parte di quelle che sono note come le Procedure Speciali del Consiglio dei Diritti Umani. Procedure speciali, il più grande corpo di esperti indipendenti nel sistema dei diritti umani delle Nazioni Unite, è il nome generale dei meccanismi indipendenti di accertamento e monitoraggio dei fatti del Consiglio che affrontano situazioni specifiche del paese o questioni tematiche in tutte le parti del mondo. Gli esperti delle procedure speciali lavorano su base volontaria; non sono dipendenti delle Nazioni Unite e non ricevono uno stipendio per il loro lavoro. Sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione e servono a titolo individuale.

UN Human Rights, Country Page – Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord

Per ulteriori informazioni e richieste da parte dei media , contattare: Koat Aleer (+41 22 917 9194 / kaleer@ohchr.org ).

Per domande dei media riguardanti altri esperti indipendenti delle Nazioni Unite, contattare Renato de Souza ( +41 22928 9855 rrosariodesouza@ohchr.org ), Jeremy Laurence (+ 41 22917 7578 / jlaurence@ohchr.org ) e Kitty McKinsey ( kmckinsey @ ohchr .org )

Segui le notizie relative agli esperti indipendenti dei diritti umani delle Nazioni Unite su Twitter @UN_SPExperts .

0 comments on “Regno Unito: un esperto dell’ONU chiede il rilascio immediato di Assange dopo 10 anni di detenzione arbitraria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.