Libertà di informazione Partito Pirata Europeo Tecnocontrollo

Regolamento TERREG sull’eliminazione dei contenuti terroristici: successo parziale attuato dai Pirati

Riportiamo questo post del Partito Pirata Europeo sui negoziati finali del trilogo sul regolamento relativo alla prevenzione della diffusione di contenuti terroristici online (TERREG)

Bruxelles, 10/12/2020 – Si sono conclusi oggi i negoziati finali del trilogo sul regolamento TERREG. I risultati rappresentano una grave minaccia per i diritti fondamentali nell’UE con un successo solo parziale per i difensori dei diritti digitali: il giornalismo, le arti e le scienze sono protetti dalla pericolosa proposta che mira a fermare la diffusione di contenuti terroristici online eliminandoli. Tuttavia, avrà effetti catastrofici e fornirà un potere senza precedenti ai governi autoritari degli Stati membri.

Anche dopo una mitigazione da parte del Parlamento, TERREG rimane una regolamentazione estremamente pericolosa in quanto conferisce alle autorità nazionali dell’UE il diritto di eliminare presunti contenuti legati al terrorismo pubblicati in altri Stati membri, senza l’approvazione dei tribunali. È stato criticato da numerose ONG e da Relatori speciali delle Nazioni Unite, dall’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) e dalla Commissione internazionale dei giuristi (ICJ).

“La possibilità di cancellare contenuti da parte di un’autorità competente di qualsiasi Stato membro è un duro colpo per i diritti fondamentali. Con questo meccanismo, Viktor Orbán potrebbe eliminare contenuti legittimi nella Repubblica Ceca o in Germania. Ad esempio, le legittime critiche al governo ungherese potrebbero essere eliminate in tutta Europa contrassegnando tali critiche come terrorismo “, avverte Marcel Kolaja , eurodeputato pirata e vicepresidente del Parlamento europeo.

I pirati hanno contribuito a implementare importanti esenzioni

L’eurodeputato pirata Patrick Breyer è d’accordo. Il relatore ombra per il gruppo Verdi / ALE si è battuto per controllare i danni derivanti dal pericoloso regolamento: “Dopo il duro lavoro e le proteste della società civile, siamo stati in grado di ottenere importanti successi parziali: abbiamo evitato l’obbligo sulle piattaforme di implementare filtri di caricamento inclini all’errore. Giornalismo, arti e scienze sono protetti adesso. Abbiamo anche implementato un’esenzione dal termine per l’eliminazione di 1 ora per le piattaforme piccole e non commerciali “.

Tuttavia, senza garanzie efficaci, il regolamento comporterà un’eccessiva soppressione dei contenuti. Alla fine, è probabile che i tribunali ribaltino TERREG. “Ho lavorato duramente per garantire il rispetto dei diritti fondamentali. (…) Ma un regolamento, che non è in grado di resistere alle sfide giudiziarie, è lo strumento più inefficace di tutti per fermare la diffusione di contenuti terroristici online ”, conclude Breyer.

Per ulteriori dettagli e richieste da parte dei media, contattare:

Nikolaus Riss per tedesco e inglese

nikolaus.riss@europarl.europa.eu +436769694000

Tomáš Polák per ceco e inglese polakt@email.cz , +420728035059

Vuoi essere informato su notizie e iniziative
dei Pirati italiani ed europei?
Seguici sul canale Telegram PPInforma

0 comments on “Regolamento TERREG sull’eliminazione dei contenuti terroristici: successo parziale attuato dai Pirati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.