Partito Pirata Europeo Privacy Tecnocontrollo

“Denunciation Machine”: l’Europarlamento approva la sorveglianza di massa per email e messaggistica

Chi è che sfrutta i bambini?

Riportiamo questo post del Partito Pirata Europeo sull’approvazione della pericolosissima deroga alla direttiva ePrivacy, con le dichiarazioni dei parlamentari Patrick Breyer e Marcel Kolaja

Vuoi essere informato su notizie e iniziative dei Pirati italiani ed europei? Seguici sul canale Telegram PPInforma

Bruxelles, 7 dicembre 2020 – La commissione LIBE del Parlamento europeo ha votato oggi a favore di una pericolosa deroga alla direttiva ePrivacy. Il Parlamento ha accettato una scansione totale e senza precedenti di tutte le comunicazioni elettroniche. Una catastrofe per i diritti digitali e la protezione dei dati e della privacy nell’Unione europea (UE) con il pretesto della protezione dei bambini. La delegazione europea dei pirati (PPEU) nel gruppo Verdi / ALE condanna fermamente la deroga.

“È spaventoso che aziende come Facebook e Google agiscano come vice sceriffi. Saranno in grado di analizzare le nostre comunicazioni elettroniche private in modo completo in assenza di sospetti “, afferma Patrick Breyer . Il deputato tedesco al Parlamento europeo per il Partito Pirata è un relatore ombra della proposta e ne sottolinea il carattere controproducente: “In questo modo non si raggiungono i canali utilizzati dalla criminalità organizzata. Nel frattempo, questa macchina di denuncia incriminerà ingiustamente migliaia di persone di crimini. Le vittime di abusi sessuali sui minori meritano un sostegno efficace piuttosto che leggi sproporzionate che saranno annullate in tribunale. Meritano canali sicuri per la consultazione e l’aiuto invece di essere sottoposti a sorveglianza di massa “.

La deroga ePrivacy consente ai fornitori di monitorare il contenuto delle comunicazioni elettroniche private per cercare eventuali contenuti pedopornografici. È stato proposto dalla Commissione europea il 10 settembre 2020 e crea un’eccezione temporanea dalla direttiva 2002/58 / CE. La proposta afferma di consentire ai fornitori e alle società di telecomunicazioni internazionali di scansionare automaticamente i canali di comunicazione privati ​​come e-mail, messaggistica e chat. Gli algoritmi dovrebbero trovare contenuti pedopornografici o “approcci sospetti” degli adulti ai bambini.

“Suona folle? Questo perché lo è “

“È la stessa cosa che se il servizio postale aprisse tutte le buste e indagasse sulla presenza di materiale pedopornografico all’interno. Sembra folle? Questo perché lo è “, commenta Marcel Kolaja , eurodeputato pirata e vicepresidente del Parlamento europeo. “Limitare l’ambito della sorveglianza di massa a video e immagini non proteggerà nemmeno la privacy delle persone, dal momento che non c’è niente come la privacy parziale. Alla fine, tutte le comunicazioni dovrebbero essere monitorate. Una conversazione dovrebbe essere monitorata solo su base individuale in caso di un ordine del tribunale “, aggiunge Kolaja.

Chi è che sfrutta i bambini?

La commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) ha votato ieri a favore della proposta. Presumibilmente, la deroga potrà entrare in vigore nel primo trimestre del 2021 dopo che i risultati dei prossimi triloghi saranno stati adottati dal Consiglio europeo e dal Parlamento europeo. Il primo trilogo è già previsto a dicembre. Con un’altra proposta nel 2021, la Commissione prevede di rendere obbligatorio per tutti i fornitori il filtraggio delle comunicazioni private dei clienti.

“Sosteniamo pienamente la protezione dei bambini. Non possiamo tuttavia sostenere la violazione della privacy di persone innocenti “,  conclude Marcel Kolaja.


Per ulteriori dettagli e richieste da parte dei media, contattare:

Nikolaus Riss per tedesco e inglese: nikolaus.riss@europarl.europa.eu , +436769694000

Tomáš Polák per ceco e inglese: polakt@email.cz , +420728035059

Vuoi essere informato su notizie e iniziative
dei Pirati italiani ed europei?
Seguici sul canale Telegram PPInforma

0 comments on ““Denunciation Machine”: l’Europarlamento approva la sorveglianza di massa per email e messaggistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.