Partito Pirata Europeo Privacy Social Tecnocontrollo

#SaferInternetDay: non la sorveglianza ma l’istruzione è la chiave per le giovani generazioni per navigare in sicurezza sul web

Riportiamo il post del Partito Pirata Europeo pubblicato in occasione del #SaferInternetDay.

NB: per essere aggiornati su questa e altre notizie è possibile iscriversi al canale Telegram di Informa Pirata

Il 9 febbraio il mondo celebra il Safer Internet Day (SID). I Pirati europei sostengono pienamente l’iniziativa annuale, che mira a rendere Internet un luogo più sicuro e positivo per bambini e adolescenti. L’istruzione e il sostegno dei genitori sono fondamentali per le giovani generazioni per imparare a navigare in Internet in modo sicuro, e non la totale sorveglianza da parte delle forze dell’ordine.

Il Safer Internet Day è stato ufficialmente introdotto 18 anni fa per sensibilizzare e istruire sull’uso di Internet. I giovani devono imparare a capire Internet e come navigare in sicurezza, afferma Patrick Breyer, eurodeputato pirata :

“I bambini e gli adolescenti devono comprendere le conseguenze della condivisione di foto e informazioni personali, della comunicazione con estranei e del cyberbullismo. E devono capire: una volta che qualcosa viene pubblicato su Internet, rimane online. È compito dei responsabili delle politiche e del sistema educativo fornire ai bambini e ai giovani competenze sufficienti per essere esperti e sicuri online.

“Tuttavia, non dovremmo mai cercare di controllare il flusso digitale di informazioni e in nessun caso consentire il monitoraggio della comunicazione online privata per proteggere i bambini e i giovani. Diritti digitali di base e istruzione invece di sorveglianza e filtri di caricamento! “

Proposte legislative come la messaggistica e il controllo della chat (deroga alla ePrivacy) non aiutano effettivamente a proteggere i minori, ma piuttosto espongono la loro comunicazione privata online. Markéta Gregorova , eurodeputato pirata della Repubblica ceca, sottolinea che esiste già un quadro giuridico funzionante per le minacce sia online che offline:

“Non è necessario reinventare la ruota. Copriamo già minacce o incitamento a crimini d’odio nel codice penale, ora è importante aumentare la consapevolezza su come funziona il mondo online e su chi può metterti in pericolo. Così come non devi avere telecamere di sicurezza sui tuoi bagni per essere al sicuro, non è necessario bloccare Internet per questo. “

In aggiunta a ciò, una valutazione di esperti del Servizio di ricerca del Parlamento europeo (EPRS) ha ora concluso che la proposta di deroga ePrivacy è in parte illegale. Dobbiamo fornire un Internet più sicuro alle giovani generazioni proteggendo la loro privacy, non mettendo in pericolo i loro diritti fondamentali, afferma Mikuláš Peksa , presidente del Partito pirata europeo.

“Internet sicuro non significa sorveglianza o censura ma un costante approccio illuminato. Con Pirati al Parlamento europeo, ci assicuriamo sempre che l’utente sia protetto e che la sua privacy sia garantita. Tuttavia, ad ogni cittadino di Internet non può essere impedito in alcun modo di accedere ai contenuti online “, conclude Peksa.

Vuoi essere attivo o saperne di più su Safer Internet Day?

Vuoi essere informato su notizie e iniziative
dei Pirati italiani ed europei?
Seguici sul canale Telegram PPInforma

0 comments on “#SaferInternetDay: non la sorveglianza ma l’istruzione è la chiave per le giovani generazioni per navigare in sicurezza sul web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.