Latest Posts

Diritto alla conoscenza Disinformazione In evidenza Libertà di espressione News dal canale Partito Pirata Europeo Trasparenza

#TregueDiRete: la non-newsletter tarocca di cui non avevate bisogno (ma che vi meritate) (11 Febbraio 2023)

Mentre la sua autrice, tra un bombardino e una cioccolata calda, sfreccia per le piste di Ovindoli, gustandosi gli ultimi scampoli di settimana bianca, noi ci facciamo in quattro per approntare una finta newsletter che, come una specie cargo cult, ci aiuterà a non sentire la mancanza di Carola Frediani e della sua newsletter #GuerreDiRete: ecco a voi #TregueDiRete. la non-newsletter tarocca di cui non avevate bisogno (ma che vi meritate) a cura di Informapirata!

Diritti Libertà di espressione Libertà di informazione

La Corte Suprema degli Stati Uniti esaminerà la famosa Sezione230, nell’ambito una controversia che potrebbe cambiare completamente il modo in cui funziona Internet! (24 Gennaio 2023)

Un singolo caso davanti alla più alta corte degli Stati Uniti potrebbe singolarmente determinare come Internet può funzionare in futuro, e puoi scommettere fino all’ultimo dollaro che ci sono alcune aziende tecnologiche, gruppi per le libertà civili e politici su entrambi i lati della navata disponibile ad esprimere un parere in merito.

In evidenza Privacy Social

Piattaforme di social media federate: il TechDispatch 1/2022 del #GarantePrivacy europeo (1 Ottobre 2022)

Il 26 luglio 2022, l’Unità Tecnologia e Privacy dell’EDPS ha pubblicato la sua prima edizione TechDispatch dell’anno 2022 sul tema Fediverso e Piattaforme Social Media Federate.
Dalla sua creazione nel 2019, ogni edizione di TechDispatch mira a fornire una descrizione fattuale di una tecnologia emergente, nonché un’analisi del suo impatto sulla protezione dei dati e sulla privacy delle persone.

In evidenza Privacy Social Trasparenza Whistleblowing

Il whistleblower Peiter Zatko in audizione al Senato USA: “Twitter? Una bomba a orologeria!” (15 Settembre 2022)

Twitter? “10 anni di ritardo sulle vulnerabilità: una bomba a orologeria”!
Mentre gli azionisti hanno appoggiato l’acquisizione di Elon Musk, l’ex capo della sicurezza Peiter Zatko che ha denunciato il suo ex datore di lavoro presso varie istituzioni USA, è stato ascoltato in audizione al Senato e ha confermato lo scenario da incubo.